DAI PALAZZI13:13 - 31 agosto 2011

Manovra bis, salta la norma sulle pensioni

Salvo il riscatto degli anni di laurea e di naia. L'annuncio dopo l'incontro tra Calderoli e Sacconi

di Flavia Parini
<p>Manovra bis, salta la norma sulle pensioni</p>
PHOTO LAPRESSE

Il governo fa marcia indietro. La norma sulle pensioni, decisa lunedì nel vertice di Arcore, è saltata. L'annuncio è arrivato questa mattina dopo un faccia a faccia tra il ministro leghista della Semplificazione Roberto Calderoli e il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi.

I due membri del governo, accompagnati dai tecnici dei rispettivi ministeri, hanno discusso a lungo della questione previdenziale e hanno infine fatto saltare il provvedimento, su cui già erano stati sollevati dubbi di incostituzionalità.

La norma, che aveva provocato le aspre reazioni e le proteste di moltissimi italiani, prevedeva l'esclusione del riscatto degli anni di laurea e di servizio militare dal conto dei 40 anni contributivi necessari per andare in pensione. Chi aveva riscattato laurea e naia, dunque, avrebbe dovuto accettare che quegli anni non sarebbero stati conteggiati come lavorativi, nonostante fossero stati riscattati.

Secondo fonti della maggioranza riportate dall'Ansa, la perdita dei 1,5 miliardi che sarebbero dovuti entrare nelle casse dello Stato con la norma sulle pensioni sarà compensata con un aumento della lotta all'evasione fiscale, attraverso provvedimenti già allo studio e con un maggiore coinvolgimento dei Comuni.

Sembra che sia stata la Lega Nord, per voce del ministro Calderoli, ad insistere per il dietrofront. Già questa mattina, infatti, il quotidiano del Carroccio La Padania aveva scritto: «La manovra avrà bisogno di un'altra riflessione».

(Foto d'archivio)


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 63 mesi fa

ma quali redditi on line siete completamente fuori di testaaaaaaaaaaa

giuseppe 63 mesi fa

Sono un disabile di 59 anni. Nell'agosto 2012 avrei maturato la quota 96 per la pensione d' anzianità,età anagrafica 60 più 36 anni di contributi (quota 96).La nuova manovra cancella le quote e invita tutti i lavoratori a 40 anni effettivi di lavoro. Dico ai "sapientoni" governanti e politici tutti che hanno a cuore la sorte degli ITALIANI di fare dei distinguo a favore di coloro che sono stati castigati dalla natura. Avrei una storia da raccontare riguardo il maltrattamento Politico e sociale nei riguardi dei disabili.

robby 64 mesi fa

tutti i nostri governanti hanno una attività o sono comunque dei liberi professionisti, quindi non hanno certo bisogno di tutti quei soldi che lo stato paga per il loro stipendio, dovrebbero ritenersi onorati di lavorare per il bene della nazione e per il bene della popolazione, quindi io proporrei che tutti i loro stipendi venissero azzerati... altro che 20 mila euro al mese... e gli operai a fatica 1000...è uno scempio quello che stanno facendo all'italia.

quando andrete alle urne pensateci .E' il caso di votarli? pensateci Non parlo di destra sinistra io faccio un fascio unico

alcune cose di questa manovra sono anche giuste Ma trovo assurdo penalizzare comuni e prov ince mentre gli sprechi maggiori si fanno con le Regioni. Ci sono persone che guadagnano cifre pazzesche per pochigiorni come parlmentari ..dirigenti d'azienda che hanno guadagnato fortune solo per ..avere portato i rifiuti tossici in alto mare.e potrei andare avanti..ora pensano che gli sprechi siano appannaggio di poveri anziani ??? megli o tacere.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).