DAL MONDO17:00 - 07 settembre 2011

Russia, precipita un aereo di linea.
Tra le vittime una squadra di hockey

L'incidente è avvenuto a Yaroslav: subito dopo il decollo, l'aereo ha urtato un'antenna radio

di Flavia Parini
<p>Russia, precipita un aereo di linea.<br />
Tra le vittime una squadra di hockey</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

Un aereo di linea russo Yak-42 si è schiantato alle 16 (ora locale) a Yaroslav, a 250 chilometri da Mosca, causando la morte di 44 persone. L'incidente è avvenuto pochi minuti dopo il decollo: sembra che l'aereo sia precipitato in seguito all'urto con un'antenna radio. Una parte della fusoliera è caduta nel Volga e il resto del veivolo ha preso fuoco.

Tra le vittime ci sono anche i giocatori di una squadra di hockey su ghiaccio, la Lokomotiv Yaroslavl, che si stava recando a Minsk per giocare il primo match della stagione.

Nello schianto sono morte quasi tutte le persone a bordo dell'aereo: l'unico sopravvissuto è Alexander Galimov, un giocatore della squadra, che ora è ricoverato in ospedale. Le sue condizioni sono molto gravi. Tutto il resto del celebre team è scomparso nello schianto, compresi tanti grandi campioni come il portiere della nazionale svedese Stefan Liv e il centrocampista Pavol Dmitra, capitano e icona della nazionale slovacca.

Si tratta del quarto incidente aereo che avviene in Russia nel giro di pochi mesi. Il 21 agosto uno Yak-18 era precipitato nella regione Leningrado a nord-ovest della Russia, mentre nei primi giorni del mese un aereo cargo Antonov-12 si era schiantato dopo il decollo nella località di Magadan. Il 21 giugno un altro aereo era precipitato su un'autostrada uccidendo 44 persone.

La tragedia di oggi, che vede scomparire un'intera squadra sportiva, riporta alla memoria l'incidente di Superga: il 4 maggio del 1949, tutta la squadra di calcio del Torino morì nello schianto di un volo dell'ALI.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
picpic 63 mesi fa

esiste il riciclaggio di pezzi di ricambio da aerei dismessi, un business allettante per le mafie. Il Fatto Quotidiano ha dedicato un articolo a questo argomento http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/08/21/paura-di-volare-quel-che-i-passeggeri-non-sanno-quando-salgono-su-un-aereo/152745/

itina 63 mesi fa

Io ho iniziato a "volare" ad inizio anno 2011 dopo essermi convinta che ce la potevo fare (la paura del volo era tanta). Penso che l'aereo sia il mezzo più sicuro, certo che bisogna mettere in conto condizioni metereologiche, pilota e fato. Bisogna fare tanti controlli sui veivoli. La maggior parte delle sciagure aeree avvengono in Russia e nell' area orientale del mondo. Bisogna chiedersi il perchè.

chiaretta28 63 mesi fa

Si dice che l'aereo sia il mezzo più sicuro per viaggiare; certo, perché ci sono più vittime stradali che incidenti di volo... in realtà io non mi sento mai sicura a 11000 metri. Un pensiero ai ragazzi della squadra di hockey, speriamo che l'unico superstite vinca la sua partita contro quest'orribile accaduto..

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).