DAL MONDO11:00 - 14 settembre 2011

Preti pedofili, denunciato il Papa per aver coperto gli abusi

Due associazioni delle vittime accusano Ratzinger e tre cardinali di aver coperto i reati

di Flavia Parini
<p>Preti pedofili, denunciato il Papa per aver coperto gli
abusi</p>
PHOTO LAPRESSE

Crimini contro l'umanità. È questa l'accusa rivolta a Papa Benedetto XVI e depositata ieri al Tribunale Penale Internazionale dell'Aja da un gruppo di vittime dei preti pedofili.

Ratzinger, insieme al segretario di Stato cardinale Tarcisio Bertone, al suo predecessore cardinale Angelo Sodano e al prefetto della Congregazione della dottrina della fede cardinale William Levada, è stato accusato di aver coperto gli abusi sessuali commessi da alcuni membri della Chiesa ai danni di minori.

A promuovere l'iniziativa davanti alla Corte dell'Aja sono state due associazioni americane, il Centro per i diritti costituzionali e la Snap (Rete degli abusati dai sacerdoti), che hanno presentato il ricorso con allegato un dossier di 80 pagine.

Le accuse, secondo quanto riportato dall'Ansa, riguardano in particolare 5 casi di abusi sessuali avvenuti in Congo e negli Stati Uniti e commessi da sacerdoti provenienti dal Belgio, dall'India e dagli Usa.

Secondo gli avvocati delle due associazioni, il ricorso al Tribunale deputato a giudicare i crimini contro l'umanità si è reso necessario «poichè le azioni legali condotte a livello nazionale non sono state sufficienti a impedire che gli abusi contro i minori continuassero».

Nella denuncia si chiede di «incriminare il Papa» per la sua «diretta e superiore responsabilità per i crimini contro l'umanità degli stupri e altre violenze sessuali commesse nel mondo».

Nessun commento è per ora arrivato dalla Santa Sede. Il quotidiano cattolico Avvenire riporta le dichiarazioni del cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli e prefetto emerito di Propaganda Fide: «Qui c'è, dobbiamo dirlo molto concretamente, il solito tentativo anti-cattolico che tende in qualche maniera a offuscare un'immagine che, dal punto di vista umano, è quanto di più prestigioso abbiamo nella nostra società - ha detto il sacerdote -. Se c'è un amante dell'umanità , per vocazione insita al proprio essere cristiano e per formazione anche culturale e sociale, questo è l'attuale Papa».

Ora toccherà al procuratore generale della Corte dell'Aja, Louis Moreno-Ocampo, decidere se accogliere o meno il ricorso presentato dalle due associazioni.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
carmela 63 mesi fa

io credo in Dio ma nella chiesa non ho mai creduto, sono solo una potente associazione massonica che sa come farsi pubblicità

Rosalinda22 63 mesi fa

non possa credere in Dio, che tra l'altro per me non ha nome nè religione, ma non credo sia questa la sede in cui dovrei parlare di ciò in cui credo. chiedo solo che non venga giudicato da nessuno(no, nemmeno dai miei genitori). biiutre, se essere intelligenti significa essere come te, spero di rimanere ignorante tutta la vita.

Rosalinda22 63 mesi fa

io non sono, per mia fortuna, una persona che pensa a compartimenti stagni. ho le mie idee, accettate o meno, sono mie. quello che tu dici, daza, sono due distinte cose. l'una è credere in Dio(poi puoi chiamarlo come preferisci, io lo chiamo così), l'altra è credere nella chiesa. Io nella chiesa non credo più da un po' di tempo, ma a Dio sì. se tu non accetti la chiesa cattolica, lo posso capire e rispetto le tue idee che sono in parte da me condivise, ma non puoi dire che ciò in cui credo è stato creato da qualcuno, perchè non puoi sapere cosa sento, cosa penso, in cosa pongo le mie speranze. per esempio, io potrei dirti che per me la persona atea non esiste, ma vedi andrei a giudicare un tuo credo, una tua idea e non conoscendoti non lo ritengo nè giusto nè possibile. poi per quanto riguarda la chiesa cattolica come persone, come istituzione, ripeto che io non vado d'accordo con moltissime delle loro idee e non accetto i loro comportamenti criminali. ma non significa che io per quest

daza 63 mesi fa

Ah e la Chiesa non si macchia solo di crimini contro i bambini. Un mio amico romano mi raccontò che non so quante guardie svizzere scompaiono in Vaticano ogni anno,ne abusano e li fanno sparire. Ma io non me ne meraviglio,non so se vi sono noti i roghi di omosessuali processati come 'sodomiti',tanti ne bruciavano che per coprire l'odore usavano i finocchi. E' un'istituzione marcia sin nelle fondamenta,professano la povertà e la carità e si imbellettano d'oro,mentre i paesi poveri si piegano in due sotto il morso della fame. Provo solo sdegno per queste persone, e ribadisco che la nostra religione l'hanno creata loro,degli antichi insegnamenti non vi è più traccia,sulla capanna di San Francesco d'Assisi hanno costruito una mega Chiesa! Io sono atea e non capisco come si possa credere in un' istutuzione piena di contrasti come questa.

daza 63 mesi fa

il dio in cui tu credi-vuol dire il dio della tua religione cattolica-la religione cattolica è quella professata dalla Chiesa. Se tu hai elaborato una tua religione,se eravamo nel '300 bruciavi al rogo per eresia,questa è una vecchia frase che mi disse il mio professore di religione al liceo,con il quale avendo deciso di seguir l'ora di religione,parlavo sulla mia idea di Dio all'epoca simile alla tua. La religione cattolica purtroppo è una,niente di più lontano dalla povertà e dalla misericordia professati da Gesù(che riconosco in quanto storicamente esistito)---Biutre non è che abbia voglia di litigare ma i religiosi sono molto permalosi(di qualsiasi religione),si salvano solo i Buddhisti(la pace dei sensi,pagherei per essere in sintonia col mondo come loro). Aprendo è chiudendo parentesi la Chiesa si professa come testimone in terra di Dio e come esecutrice dell'imperativo missionario di Gesù....assurdo

biiutre 63 mesi fa

FIERO DI ESSERE ATEO !!!!!!!!! PENSA TE SI LITIGA PER DEI COMMENTI , E' PROPRIO VERO LE RELIGIONI SERVONO SOLO A FAR RESTARE INGNORANTI I POPOLI .

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).