DALL'ITALIA15:29 - 26 settembre 2011

È morto Enzo Mirigliani, patron di Miss Italia

Si è spento oggi a Roma lo storico responsabile del concorso di bellezza. Aveva 94 anni

di Flavia Parini
<p>È morto Enzo Mirigliani, patron di Miss Italia</p>

Enzo Mirigliani, storico patron di Miss Italia, è morto oggi al Policlinico Gemelli di Roma, dov'era ricoverato da alcuni giorni.

Ad annunciare «con grande dolore» la scomparsa del patron 94enne è stato proprio il concorso di bellezza a cui aveva dedicato tutta la sua vita.

Mirigliani, nato il 22 aprile 1917 a Santa Caterina sullo Jonio (Catanzaro), iniziò ad occuparsi di Miss Italia nel 1959, trasformando il concorso in uno degli eventi televisivi più seguiti degli ultimi 50 anni.

Nel 1991, inoltre, Mirigliani creò Miss Italia nel Mondo con lo scopo di rendere omaggio, attraverso la bellezza delle loro figlie, agli italiani che vivono e lavorano all'estero.

Enzo Mirigliani è deceduto solo pochi giorni dopo l'elezione di Stefania Bivone a Miss Italia 2011, una ragazza calabrese, proprio come lui. Al  momento della morte di Mirigliani erano presenti la moglie Rosy, le figlie Rosaria e Patrizia (che negli ultimi anni si è occupata di Miss Italia) e il nipote Nicola.
>> MISS, MIA CARA MISS: LE STELLE LANCIATE DA MIRIGLIANI


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

sono rimasta malissimo.....se ne va una parte del'italia....un grande che ha fatto storia.....ideando e ragalando sogni e centinaia di ragazze....me inclusa...conobbi mirigliani alla miren a roma a tempi di miss italia 2000.....fu molto gentile e cordiale e per me fu onore conosceere il petron di miss italia....ci mancherai....un abbraccio da una miss....

? 63 mesi fa

Ciao MAESTRO OVUNQUE TU SIA.

chiaretta28 63 mesi fa

Mi dispiace davvero tanto, un mito della televisione italiana, della nostra tradizione...

grande manifestazione la Sua che ancora oggi ci tiene incollati alla sedia

biiutre 63 mesi fa

grande meriglianai

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).