DAI PALAZZI12:09 - 07 ottobre 2011

Da «Forza Gnocca» al «Miss Great Britain Party»: ecco le proposte più eccentriche

Il premier Silvio Berlusconi ha scherzato sul futuro nome del Pdl. Ma nel mondo, di partiti strani, ce ne sono parecchi

di Francesca Porta
<p>Da «Forza Gnocca» al «Miss Great Britain Party»: ecco le
proposte più eccentriche</p>
PHOTO LAPRESSE

Scegliere il nome di un partito politico non dev'essere un'impresa facile. Bisogna trovare qualcosa ad effetto, che colpisca gli elettori e che, in solo due o tre parole, spieghi qual è la politica del candidato e della squadra. Così, il Partito Democratico punta sul valore della democrazia, la Lega Nord sulla connotazione territoriale, il Popolo della Libertà sui concetti di libertà e di unità del popolo.

Ma su quale valore può puntare un partito che si chiama «Forza Gnocca»? Ovviamente, si tratta di una domanda retorica. Sono in tanti però, quelli che ieri sul web hanno provato a stilare ipotesi di programma elettorale e a creare degli slogan dopo aver sentito il premier Silvio Berlusconi scherzare su un possibile cambio di nome del Pdl.

«Si accettano dei suggerimenti, faremo fare dei sondaggi. Mi dicono che il nome che avrebbe maggiore successo è Forza Gnocca», ha detto il presidente del Consiglio, scherzando con i giornalisti. La battuta di Berlusconi, però, non ha fatto ridere tutti: i leader dell'opposizione hanno parlato di «un'uscita desolante», di «una cosa squallida» e molti utenti della rete hanno diffuso la battuta accompagnata da commenti che urlavano «vergogna».

Come sempre accade in questi casi, ognuno esprime la propria opinione. Quel che è certo, è che «Forza Gnocca» non sarebbe il primo partito "un po' strano" nel mondo.

In Inghilterra, nel 2008, nacque un partito davvero molto simile: si chiamava The Miss Great Britain Party, ovvero "il partito delle reginette di bellezza inglesi" e il suo obiettivo era quello di «rendere il Parlamento un po' più sexy». Tra i punti del suo programma elettorale c'era anche l'istituzione di un giorno di vacanza in cui i lavoratori erano invitati a farsi belli.

Vi sembra assurdo? Non avete ancora visto niente. Nel 1984, in Nuova Zelanda, nacque il McGillicuddy Serious Party, il cui slogan era: «Se volete sprecare il vostro voto, votate per noi». Alle elezioni del 1993 prese lo 0.61% dei voti. Solo 10 voti, invece, sono quelli presi in Svezia dal Partito di Paperino (sì, proprio quello della Disney) nelle elezioni politiche del 2002.

A vincere alcuni seggi nelle elezioni locali, invece, è stato il Monster Raving Loony Party, un partito inglese che aveva tra i suoi progetti quello di inserire il mostro di Loch Ness tra le speci protette e la consegna del titolo di Cavaliere a Ozzy Osbourne.

In Ungheria fu fondato nel 2004 il Double-tailed Dog Party (Partito del Cane a due code) che prometteva la vita eterna, la pace nel mondo e due tramonti al giorno. Tutti i suoi candidati si chiamavano Istvàn Nagy, un nome comunissimo in Ungheria.

E che dire del Partito dei Rinoceronti? Fondato in Canada negli anni Sessanta, il partito che prometteva cose impossibili, solo per divertire gli elettori, aveva eletto come suo leader indiscusso Cornelius I, il rinoceronte del Granby Zoo.

Per chiudere in bellezza, ecco, in Russia e in Polonia, i partiti degli Amanti della Birra. In Polonia la formazione politica nacque negli anni Ottanta per combattere il consumo di alcol. Il loro metodo? Invitare a bere birra invece di vodka. Non ridete: nel 1991 il Partito degli Amanti della Birra fu eletto tra le minoranze, ottenendo ben 16 seggi in Parlamento. Il partito russo, invece, nato nel 1993, voleva solo difendere i diritti di chi beve birra.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Silvia 60 mesi fa

Mi spiace, ma non si tratta di "stranezza"...citando altri nomi strani non verrà sminuita l'uscita di Berlusconi, che non solo non fa ridere ma è veramente deprimente (e come al solito l'Italia continua inesorabilmente a rimetterci). Saluti da un'italiana all'estero.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).