DAL MONDO17:24 - 20 ottobre 2011

Libia, finisce l'era di Gheddafi

Il rais ha governato per 42 anni. Ora si apre una nuova fase per la Libia

di Francesca Porta
<p>Libia, finisce l'era di Gheddafi</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

La morte di Muammar Gheddafi sancisce la fine di un'era della storia della Libia durata ben 42 anni.

Era il 1° settembre del 1969, infatti, quando il collonnello salì al potere con un colpo di stato che spodestò il re Idris dal trono. Capo di stato militare e teorico del "socialismo islamico", il rais fu un grande ammiratore del leader egiziano Gamal Abdel Nasser.

Il regime gheddafiano abolì la monarchia e proclamò la Repubblica, nazionalizzò le grandi imprese, chiuse le basi militari straniere e confiscò i territori degli italiani e degli italo-libici, che furono costretti a lasciare il paese.

Gheddafi proclamò inoltre l'Islam religione di Stato e vietò la formazione di nuovi partiti politici. Il suo obiettivo, come spiegato nel Libro Verde (1976) era realizzare uno stato che fosse contemporaneamente islamico e socialista. Nel 1977 abolì la Repubblica e proclamò la Libia «Grande Jamahiriya araba libica popolare e socialista».

Negli anni Ottanta il rais, che appoggiava la causa palestinese, fu indicato come finanziatore di gruppi terroristici (come Settembre Nero e l'IRA) e di alcuni attentati, come quello di Lockerbie (21 dicembre 1988).

Per ordine del presidente Reagan, il 15 aprile 1986 i bombardieri Usa lanciarono bombe sul bunker del colonnello, provocando la morte di una delle sue figlie più piccole. In risposta, Gheddafi ordinò il lancio di un missile Scud che sfiorò l'isola di Lampedusa.

Negli ultimi anni i rapporti tra la Libia e l'Italia erano migliorati: nel 2008 i due paesi strinsero un trattato di amicizia che prevedeva il pagamento di 5 miliardi di dollari alla Libia come compensazione per il periodo coloniale, in cambio di un maggiore controllo dell'immigrazione clandestina verso l'Italia.

Le proteste contro il regime di Gheddafi sono iniziate lo scorso febbraio sulla spinta delle rivolte in Egitto e in Tunisia. La repressione attuata dalle milizie del colonnello è stata da subito così dura da provocare l'intervento della Nato.

Oggi, dopo otto mesi di battaglia, il colonnello è stato catturato e ucciso a Sirte, durante lo scontro finale della guerra di liberazione. Per la Libia si apre una nuova era.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
dscarllatta 59 mesi fa

Voglio proprio vedere quale sarà il futuro della Libia. Coloro che oggi esultano domani piangeranno

dscarllatta 59 mesi fa

E mi meraviglio che le nostre tv i nostri giornali speculino sulle scene di tortura dandoci in pasto simili atrocità per fare notizia e odience Vergogna anche a chi ha trasmesso quelle immagini Non ci fanno onore come uomini Quelli sono maiali. Anzi i maiali sono meglio

dscarllatta 59 mesi fa

Disgustata amreggiata Ieri vedendo le immagini di un cadavere vilipeso calpestato mi sono sentita sconfitta e adirata verso un sistema che taglia le teste di chi non si allinea. Nessun uomo merita di essere trattato a quel modo. Quelle immagini mi rimandano a quelle lontane di P Loreto Mi madre mi disse speriamo non si vedano più immagini simili Ma ad oggi assistiamo ad eventi che ci fanno vergognare di essere uomini Quelle immagini non ci fanno onore Mi sento veramente amareggiata Onore all'uomo Gheddafi non al dittatore ma onore a colui che è morto senza arretrare contro un sistema che ha al suo centro il denaro Aldo hai un pò le idee confuse ma capisco quello che vuoi dire Ma nella storia anche i peggiori dittatori hanno sempre agito in merito a ideali e a norme di disciplina Non si uccide un uomo cosi

aldo tagori 59 mesi fa

P.S. Gheddafi doveva essere consegnato al tribunale penale dell'Aia. Il giovane assassino ventenne ha agito esattamente da minus habens ignorante e vendicativo come lo era l'ex leader libico...

aldo tagori 59 mesi fa

Dittatore o meno, nessuno aveva il diritto di assassinare Gheddafi dopo che si era ARRESO. La convenzione di Ginevra è molto chiara. Il giovane vetenne che gli ha sparato un colpo di pistola al capo è un criminale di guerra, come lo sono state molte SS e come lo è stato Gheddafi stesso. Historia docet.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).