DAI PALAZZI10:57 - 21 ottobre 2011

Banca d'Italia, Ignazio Visco è il nuovo Governatore

Prenderà il posto di Mario Draghi, che sta per passare alla guida della Bce

di Francesca Porta
<p>Banca d'Italia, Ignazio Visco è il nuovo Governatore</p>
PHOTO LAPRESSE

Sarà Ignazio Visco il nuovo Governatore della Banca d'Italia. Dopo lunghe settimane di discussioni e di attesa, ieri sera il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha ufficialmente comunicato al presidente della Repubblica di aver scelto Ignazio Visco per prendere il posto di Mario Draghi.

Visco è l'attuale vicedirettore della Banca d'Italia. Nato a Napoli nel 1949, l'economista, dopo una laurea all'Università La Sapienza, è stato assunto nel 1972 in Banca d'Italia. Ha compiuto poi un periodo di perfezionamento presso l'Università della Pennsylvania e nel 1974, tornato in Italia, viene assegnato al Servizio Studi, di cui diventa capo nel 1990.

Negli anni Ottanta e Novanta Visco è chiamato a rappresentare Bankitalia in diversi organismi nazionali (come Istat, Cnr e Cnel) e internazionali (Ue, Bri), mentre dal 1997 al 2002 è nominato Chief Economist e Direttore dell'Economics Department dell'Ocse. Nel 2007 è diventato vicedirettore della Banca d'Italia.

Ignazio Visco, che è sposato e ha tre figlie, è apprezzato in Italia in modo bipartisan, sia dal centrosinistra che dal centrodestra. Anche all'estero gode di una buona reputazione grazie all'esperienza all'Ocse e alle sue attività alla Banca dei Regolamenti Internazionali (Bri). Ha fama di un sostenitore della crescita dell'economia attraverso gli investimenti ed è un attento osservatore dei problemi del Sud Italia.

Ora di fronte a lui c'è una nuova, importante, sfida: governare la Banca d'Italia.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 62 mesi fa

E' nato lo stesso giorno di Cristiano Godano..........

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).