DAL MONDO16:21 - 24 ottobre 2011

Argentina, Cristina Fernandez Kirchner rieletta presidente

A un anno di distanza dalla morte del marito, Cristina ha vinto (ancora) le elezioni

di Francesca Porta
<p>Argentina, Cristina Fernandez Kirchner rieletta presidente</p>
PHOTO GETTY IMAGES

L'Argentina ha deciso di affidarsi (ancora) a Cristina Fernandez Kirchner. Nelle elezioni che si sono svolte questo fine settimana, infatti, la "presidenta" eletta nel 2007 è stata riconfermata alla guida del Paese.

La Kirchner ha vinto le consultazioni elettorali con il 53% dei voti, lasciando il socialista Hermes Binner al 18% e l'altro sfidante, Ricardo Alfonsin, all'11%. Gli argentini hanno confermato il consenso all'attuale presidente anche aumentando i suoi seggi alla Camera e al Senato.

«Voglio che questa sia la vittoria di tutti gli argentini, perchè per tutti loro io lavorerò», ha detto la "presidenta" mentre festeggiava la vittoria in mezzo ai suoi sostenitori. «Non sono mossa da alcuna ambizione o interessi personali, ma dalla volontà di approfondire il progetto per la crescita del Paese», ha poi continuato la Kirchner.

Il progetto è quello iniziato dal marito di Cristina, Nestor Kirchner, presidente dell'Argentina dal 2003 al 2007, morto un anno fa per un infarto. Vestita ancora a lutto, la nuova Evita ha promesso all'Argentina di affrontare con coraggio la sfida iniziata dal marito: risollevare l'economia del Paese dopo il default del 2001.

Dopo il primo mandato, Cristina può già affermare di aver ottenuto risultati significativi: ha premuto l'accelleratore sulle esportazioni (soprattutto di soia e grano), ha iniziato a ricostruire il tessuto industriale, e ha varato programmi di assistenza sociale per i più poveri e per la classe media.

Cristina riuscirà ad accompagnare l'Argentina fuori dalla crisi? Il suo popolo crede di sì.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).