Una relazione felice? Copia Michelangelo

07 gennaio 2010 
<p>Una relazione felice? Copia Michelangelo</p>
PHOTO ARCHIVIO CONDÉ NAST

Sostenere le aspirazioni del partner, per aiutarlo a diventare ciò che ha sempre voluto essere. È questo il segreto delle coppie durature, secondo i risultati di uno studio pubblicato su Current Directions in Psychological Science dai ricercatori della Northwestern University di Evanston, negli Usa, in collaborazione con la Vrije Universiteit di Amsterdam e la Goldsmiths University di Londra.

La chiave di una relazione stabile - dice la ricerca - risiederebbe nel fenomeno Michelangelo, cioè nella capacità di tirar fuori le qualità nascoste del partner proprio come faceva lo scultore fiorentino con la pietra nuda, nella quale intravedeva già una statua.

In pratica, è importante capire qual è il sé ideale del proprio compagno e aiutarlo a ridurre la distanza tra questo e il suo sé reale. Attenzione però: non si tratta di scolpire il partner come noi vorremmo, ma di stimolarlo a realizzare un'immagine coerente con i suoi desideri.

«Quando scegliamo il compagno della nostra vita - spiega Eli Finkel, della Northwestern University - non ci soffermiamo a pensare se la persona che lui vuole diventare nei prossimi dieci anni è la stessa che desideriamo anche noi». Il segreto di un rapporto felice, invece, sarebbe proprio nella capacità di condividere le sue ambizioni e aiutarlo a realizzarle.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

e come fare quando il proprio amato è talmente imbrigliato nella tela della realtà alla quale ha dovuto adattarsi, che, per quanto soffra, stenta a riconoscere se stesso, stenta a desiderare e non ricorda, se non vagamente, le sue proprie aspirazioni, nonchè propensioni? la donna che lo ama.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).