Italiani distratti: durante il sesso vanno su Internet

16 marzo 2010 
<p>Italiani distratti: durante il sesso vanno su Internet</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Va bene che il sesso non è tutto, ma controllare Facebook mentre si fa l'amore ci sembra davvero troppo. Eppure, secondo una ricerca condotta da Akuel Skin, su un campione di giovani tra i 19 e 30 anni in Francia, Ungheria, Italia, Polonia e Gran Bretagna, pare proprio che gli europei, sotto le lenzuola, siano sempre più distratti.

Secondo il sondaggio, tra i meno concentrati ci sarebbero proprio gli italiani che si piazzano al secondo posto preceduti solo dai francesi. Dalla ricerca emerge che il 9% degli amanti nostrani ha navigato su internet nel bel mezzo di un rapporto sessuale e lo stesso vale per l'8% degli inglesi, il 10% degli ungheresi e per l'11% dei francesi.

Tra le altre distrazioni online non potevano mancare i social network: il 6% degli italiani ha dichiarato di aver controllato il profilo Facebook mentre faceva l'amore e l'1% di aver addirittura inviato un update su Twitter.

Tra chi preferisce passatempi meno tecnologici, va annoverato un 43% di italiani che ammette di aver fatto il bagno o la doccia durante un rapporto. Ma c'è anche un 27% che dice di aver guardato la televisione e un 13% che confessa di aver avuto una conversazione telefonica.

E infine, giusto per non farsi mancare nulla, c'è un 7% che si è dilettato ai fornelli, un 5% che si è immerso nella lettura di un libro e un altro 5% che si è dedicato alle pulizie domestiche.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
ivana 81 mesi fa

..ma si deve vergonare ogni uomo che vicino alla sua donna ha bisogno di computer!!!!

Alice 81 mesi fa

Il mio ragazzo ci è stato vicino molte volte, ma sono riuscita a bloccarlo!

Mon dieux..... !!!! Ma mi spiegate come si fa?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).