Se lei non c'è, lui spende di più

22 luglio 2010 
<p>Se lei non c'è, lui spende di più</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

A partire per le vacanze da sole, lasciando i compagni in città, a lavorare, c'è da preoccuparsi! Ma mica per la solita storia della scappatella: il pericolo maggiore riguarda il budget familiare. Perché, d'estate, gli uomini che rimangono temporaneamente "single", diventano degli spendaccioni. Lo rivela un'indagine sulle "Abitudini e costumi estivi", condotta su un campione di quasi 600 imprese lombardi, dall'Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza.

I padri che rimangono a casa - in genere, per non più di dieci giorni - spendono in media quasi 60 euro in più rispetto al resto dell'anno, contro i 43 della partner, andando a creare un giro d'affari da 200 milioni di euro. E questo perché, quando la moglie è in vacanza, l'uomo si impigrisce e va di più al ristorante (34,7%), ricorre a lavanderie e tintorie (20,2%) anziché azionare la lavatrice, e prende il cibo al take away (l'8,1%) pur di non cucinare.

Ma, per il resto, che combinano gli uomini in città mentre le loro compagne sono lontane? Il 61,3 degli intervistati ne approfitta per tuffarsi sul lavoro; il 57,2% ama gustare un po' di sana solitudine e il 35,3% esce in compagnia di amici e amiche. Il 19,7% si dedica all'hobby troppo spesso trascurato; il 13,9% al relax e l'8,7% se ne va in palestre e centri sportivi (8,7%).

Il quadro cambia, invece, se ad andare in vacanza è lui e a rimanere a casa è lei. In realtà, bisogna precisare che si tratta di una circostanza molto meno frequente: dalla ricerca - che ha preso in esame la Lombardia - è emerso che sono soprattutto gli uomini a rimanere a casa mentre la partner è in vacanza. Esattamente il triplo: il 78% contro il 22% delle donne. Ad ogni modo, le donne che rimangono da sole (in genere per otto giorni) se la cavano meglio dal punto di vista dell'amministrazione, ma questo non significa che stiano lì a negarsi sfizi e momenti piacevoli.

In linea generale, approfittano dell'assenza del partner per dedicarsi alla cura della loro bellezza: frequentano palestre, centri sportivi ed estetici (28,6%). E nel 61,2% dei casi si aprono a una vita più mondana, ma senza la maliziosa intenzione di conoscere gente nuova. Quello, semmai, è un pensiero che sfiora di più gli uomini, ma di poco, veramente poco: succede solo allo 0,6% degli intervistati.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).