L'educazione sentimentale
ai tempi dei social network

13 ottobre 2010 
<p>L'educazione sentimentale<br />
 ai tempi dei social network</p>

L'educazione vi prego sull'amore (e altri consigli per vivere bene), edito da Kowalski e scritto da Roberto Ruspoli, (volto noto a chi segue la trasmissione Cortesie per gli ospiti, in onda su Real Time, dove si occupa di life styling) non è semplicemente un manuale di consigli su come comportarsi nelle relazioni con l'altro sesso.

Un aspetto, questo, a cui l'autore tiene molto: "Quando mi è stato proposto di scrivere un libro sui temi che tratto in trasmissione ne sono stato felice. In corso d'opera, però, il libro è diventato tutta un'altra cosa: un sillabario amoroso, scaturito da una lettura giovanile che mi aveva colpito molto   (Frammenti di un discorso amoroso di Barthes ) e da un mio desiderio profondo. Vedo molta confusione sentimentale intorno a me: ho pensato che sarebbe stato bello parlare d'amore, un argomento universale presente nell'arte, nella letteratura, nella poesia e nella musica. E nelle aspirazioni di ognuno di noi".

Insomma, se volete un manuale per sopravvivere all'ennesimo fedifrago con cui vi siete (temporaneamente) accoppiate o del consiglio perfetto per lasciare il noioso di turno senza fare la figura della mangia uomini, questo non è quello che state cercando. Se invece avete voglia di ragionare sull'educazione sentimentale, intesa come formazione dell'uomo e della donna all'amore, questo libro diviso per voci, da A come Alta infedeltà a V come virtuale,  "scritte cercando di mantenere il più possibile uno sguardo distaccato sulle cose, affinché le voci non fossero solo mie, ma qualcosa in cui ognuno  potesse almeno in parte ritrovarsi", può essere una finestra interessante sui comportamenti, nostri e non solo, in amore.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
caterina 76 mesi fa

ho letto il libro e l'ho trovato pieno di intelligenza e ironia! è davvero divertente!

Roberto 76 mesi fa

Hai ragione Peepper, sarebbe un'eresia paragonarlo a Barthes, infatti non mi sarei mai sognato di farlo, ma proprio perchè ammiro quel libro incredibilmente è stato per me di grande ispirazione,questo però non significa assolutamente volersi porre sul suo stesso piano.Roberto Ruspoli.

Peepper 76 mesi fa

Non voglio essere disfattista (e ammetto che non ho letto il libro), ma paragonare un libro simile a "Frammenti di un discorso amoreoso" di Bathes mi sembra un'eresia. Se volete leggere un libro che parla veramente d'amore vi consiglio "L'arte di amare" di Fromm.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).