Donne: le dritte per indurlo
a scegliere il regalo giusto per te

18 novembre 2010 
<p>Donne: le dritte per indurlo<br />
a scegliere il regalo giusto per te</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Natale si avvicina e con lui l'incognita-regalo che il nostro partner ci farà trovare sotto l'albero. Già, perché le possibilità che la nostra metà (marito o fidanzato che sia) azzecchi davvero il pacchetto giusto sono più esigue di una vincita al Superenalotto! Ma quest'anno un esperto di linguaggio inglese come il professor Geoff Beattie può darci un aiuto non da poco su come "suggerire" al reticente compagno il "cadeau" giusto. Analizzando i risultati di un sondaggio che ha coinvolto 1000 adulti per la catena inglese "Boots", l'esperto ha, infatti, individuato un poker di "messaggi subliminali" che possiamo usare per arrivare al nostro scopo.

Peccato, però, che gli uomini sembrino essere un po' "duri di comprendonio" sull'argomento regali e quattro su cinque non capiscano la dritta, finendo così per comprare un "cadeau" che viene poi, irrimediabilmente, relegato in fondo all'armadio. Non a caso, più di un terzo degli intervistati si è detto deluso dai regali del partner e addirittura uno su sei ha ammesso di essersi arrabbiato quando ha scartato il pacchetto.

Come detto, i "consigli per gli acquisti" sono di quattro tipi: quello che funziona meglio sembra essere il "pepper-hinters", ovvero far cadere in maniera apparentemente casuale durante la conversazione con il compagno dei riferimenti espliciti al regalo richiesto; poi viene il "present pointers", ovvero, approfittare di un giro di shopping insieme all'amato ed indicare il regalo con la mano; quindi tocca al "chinese whisperers", dove si usano amici e parenti quali "depositari" del segreto che segreto non deve restare, e, infine, ecco il "careless listers", ovvero lasciare "accidentalmente" in giro la lista dei regali.

A queste tattiche se ne potrebbe poi aggiungere una quinta, che consiste nel commentare una cosa che indossa o possiede un'altra donna, ma anche questa modalità si rivela inefficace al pari delle precedenti (fatta eccezione, forse, per la prima), perchè in realtà meno di un terzo degli uomini è in grado di captare questi "messaggi subliminali", a differenza di oltre la metà delle donne. «Suggerire qualcosa è una parte importante dell'interazione sociale quotidiana», ha spiegato il professor Beattie al Daily Mail «ma perché tale comportamento abbia successo è fondamentale considerare le differenze fra i generi. Le donne sanno esattamente cosa vogliono e usano sempre di più questi "consigli per gli acquisti" per ottenerlo. Ma spesso questi suggerimenti subliminali rischiano di cadere nel vuoto, perché gli uomini non li recepiscono».

Però ognuna ha la sua tattica: tu cosa in questi casi?

NON HAI ANCORA PREPARATO LA TUA WISH LIST DEI REGALI DI NATALE? SCEGLILI QUI!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
cristina 73 mesi fa

Io non sono un tipo che chiede i regali, ma in casi specifici, e onde evitaredi ricevere cose che non metterei nemmeno se mi trovassi nel carere di Guantanamo, uso essenzialmente due tattiche e in entrambi i casi è comunque ben chiaro l'oggetto o il vestito o la borsa o le scarpe che voglio, non ci devono essere dubbi, altrimenti riuscirebbe a sbagliare anche così. La prima tecnica consiste nell'indicare la cosa che desidero e dire ad alta voce che mi servirebbe proprio e penso che me la comprerò, magari il mese prossimo. La seconda tecnica, consiste nel prendere la cosa desiderata in mano guardare il prezzo ed esclamare ad alta voce che "si è bella, ma non mi và di spedere dei soldi per questa cosa che in fondo non mi serve molto", ovviamente le due tecniche vanno usate per oggetti diversi la prima per cose effettivmente utili es. maglioni, cappotti, scarpe ecc... la seconda per cose più effimere borse, profumi, gioielli ecc...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).