La risata? È contagiosa solo se fragorosa

22 novembre 2010 
<p>La risata? È contagiosa solo se fragorosa</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Impossibile resistere: se qualcuno ride a bocca aperta accanto a voi, quasi sempre vi contagia. Lo stesso però non succede se la risata è a denti stretti. Uno studio americano ha scoperto perché. Secondo il professor Michael Owren della Georgia State University, in Atlanta, la risata è capace di divertire anche gli altri solamente se "libera", mentre una bocca chiusa che emette sghignazzate "represse" suscita sentimenti meno buoni.

Per arrivare a queste conclusioni, Owren e colleghi hanno fatto ascoltare a un gruppo di 28 volontari 50 clip di risate registrate, riscontrando che gli ascoltatori davano giudizi più positivi a quelle a bocca aperta. Robert Provine, un neuroscienziato dell'Università del Maryland, ha commentato la notizia al Daily Mail spiegando che: «Ci sono migliaia di lingue e centinaia di dialetti», ha osservato «ma il linguaggio della risata è il vero filo rosso che accomuna la specie».

Gli studiosi che hanno condotto la ricerca precisano che tutto dipende dal fatto che l'uomo, sin dalla più giovane età, impara ad associare le risa "sguaiate" con le sue esperienze più positive e, quindi, sentire quel suono lo rende automaticamente più felice. «Considero la musicalità delle risate», ha spiegato il professor Owren «come un meccanismo fondamentale per costruire e mantenere relazioni sociali positive. Le risate sono una caratteristica dominante nelle interazioni sociali. Hanno un ruolo base nel promuovere legami emozionali positivi. Ma non è chiaro come funzioni questo meccanismo».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
venere 73 mesi fa

sempre pensato che fosse cosi, questa e' solo la conferma,essere contagiati da una risata fa bene all'anima e....ai muscoli facciali , oltre che irrorare il cervello positivamente...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).