Discriminate al lavoro?
Reagire conviene

30 novembre 2010 
<p>Discriminate al lavoro?<br />
 Reagire conviene</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Sapete fare bene il vostro lavoro, eppure qualche collega maschio si ostina a discriminarvi perché siete donne o a infastidirvi con battute sgradevoli? Ditegliene quattro, e vi sentirete meglio. Più competenti e capaci, non solo sul posto di lavoro, ma anche in casa, con gli amici e con voi stesse. È il risultato di una ricerca dell'Università del Nebraska - Lincoln, che ha esaminato le reazioni degli uomini e delle donne rispetto ai pregiudizi sul luogo di lavoro. Per farlo, è stata fatta una simulazione on line, in cui i partecipanti avevano la possibilità di rispondere pubblicamente ai commenti sessisti e di valutarne l'adeguatezza.

I lavoratori, sia uomini che donne, più propensi al confronto sono stati quelli che vedono il posto di lavoro come una specie di "comunità", e che sono più portati ad aiutare gli altri senza aspettarsi di ottenere nulla in cambio. In particolare, le donne che hanno sfidato i pregiudizi sessisti ne hanno avuto un positivo tornaconto psicologico, e ci hanno guadagnato in autostima, capacità e consapevolezza. «Nella maggior parte dei casi, questi pregiudizi si manifestano tutti i giorni con sottili battute sessiste - spiega Sarah Gervais, autrice principale dello studio -. Ma sono sufficienti a compromettere le prestazioni lavorative e la percezione della propria preparazione e della padronanza di sé».

Ma, secondo la ricerca, queste discriminazioni possono funzionare come un "boomerang" per chi le propone e come un'occasione per chi le subisce di riscattarsi e di sentirsi meglio. «Affrontare direttamente queste situazioni può servire come antidoto, e trasformare un evento negativo in un'opportunità», aggiunge la ricercatrice. Secondo la Gervais, i risultati di questo studio (pubblicato recentemente su Sex Roles) possono aiutare i datori di lavoro a promuovere una nuova cultura del lavoro. «Sfidare il pregiudizio - conclude la ricercatrice - può essere l'occasione buona per fare la differenza, e per aiutare se stessi e gli altri».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).