Lo shopping? Come il sesso

07 dicembre 2010 
<p>Lo shopping? Come il sesso<br />
<br />
</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Abiti, profumi, trucchi, scarpe… se venduti a un prezzo conveniente possono risultare emozionanti ed efficaci quanto il sesso. Lo dicono i ricercatori dell'Università di Westminster, che hanno analizzato le reazioni di 50 volontari in un esperimento di simulazione dello shopping. Di fronte ai buoni sconto o agli articoli promozionali, i movimenti oculari, la dilatazione delle pupille e il livello di eccitazione dei volontari erano uguali a quelli che induce l'osservazione delle immagini erotiche. Le risposte emotive del corpo sono state classificate su una scala che va da uno a dieci (il massimo si registra di fronte ai traumi gravi). Un punteggio compreso fra cinque e sette indica un'emozione pari a quella sollecitata dalla pornografia, e alcuni buoni sconto e promozioni hanno fatto registrare quasi sei punti.

La ricerca è stata commissionata dall'Institute of Promotional Marketing e pubblicata dalla rivista di settore The Grocer e deve ancora essere completata. Ma già questi primi risultati portano a conclusioni significative: "C'è una evidente correlazione fra le vendite e una forte risposta emotiva", dichiara Colin Harper, dell'Institute. Agli stessi risultati sono arrivati anche i ricercatori dell'  Università di Bangor, dopo uno studio commissionato da Mark Thompson, media director della Royal Mail. "Secondo la nostra ricerca - dice - ricevere buoni per ritirare gratuitamente degli omaggi placa e "spegne" il nostro cervello proprio nello stesso modo in cui lo fanno le immagini erotiche".

Questo tipo di ricerca è ancora nella sua fase iniziale, ma ciò che è ormai assodato è che avere fra le mani un oggetto che diventa di nostra proprietà provoca una sensazione di grande benessere.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
francesca 72 mesi fa

...niente meno..... O. o

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).