Coppia: più casti, più in sintonia

05 gennaio 2011 
<p>Coppia: più casti, più in sintonia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

A consigliare l'astinenza prima del matrimonio non sono solo i religiosi, ma anche gli esperti nelle relazioni di coppia. Una ricerca della Bringham Young University, in Utah, pubblicata sul Telegraph ha rivelato che le coppie che hanno rimandato il sesso fino alla prima notte di nozze valutano la stabilità della loro relazione superiore del 22 per cento, rispetto a quella dei rapporti che avevano intrecciato prima e che non escludevano il sesso. Le coppie che sono rimaste caste prima del matrimonio dichiarano il 20 per cento in più di soddisfazione rispetto alle coppie che non hanno scelto l'astinenza. Inoltre, hanno un livello di comunicazione superiore del 12 per cento e, nel 15 per centro dei casi, addirittura una maggiore intesa sessuale.

Secondo gli esperti, che hanno analizzato il comportamento di oltre 2 mila coppie sposate, questo può essere il risultato di una migliore comunicazione tra le coppie che sono rimaste caste fino alle nozze. Secondo Paula Hall, psicoterapeuta, «Le coppie che aspettano la prima notte di matrimonio per il sesso trovano un sacco di altri modi per dimostrare affetto, e possono dedicare più tempo a parlare delle loro aspettative». «Penso che chi ha aspettato più a lungo prima di fare sesso abbia perfezionato la capacità di dialogare e di lavorare sui problemi che si presentano nella vita di tutti i giorni», dice Dean Busby, che ha condotto lo studio.

E non c'entrano le questioni religiose: «Indipendentemente dal credo, l'attesa aiuta a creare una migliore comunicazione, fattore indispensabile per la stabilità delle relazioni e per il benessere», continua lo studioso. D'altronde, la comunicazione è anche la chiave per la soddisfazione sessuale. Parola di psicologo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).