Coppia, quante liti per il guardaroba!

17 gennaio 2011 
<p>Coppia, quante liti per il guardaroba!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Ricordate quell'episodio di Sex and the City in cui Carrie e il fidanzato Aidan si scontrano in un acceso scambio di vedute sull'uso e sulla spartizione del guardaroba? Non sono certo i soli a soffrire delle reciproche abitudini del partner.

Secondo un recente sondaggio pubblicato da Cancer Research UK, quasi un terzo delle persone che fanno parte di una coppia (il 31 per cento) è infastidito dai mucchi di vestiti sparpagliati disordinatamente sul pavimento dal partner. Il 44 per cento delle donne ammette di patire questa situazione. D'altro canto, il 24 per cento degli uomini sostiene che le compagne stipano un numero esagerato di capi nell'armadio, creando confusione e disordine. Ventidue su cento sono convinti che le partner possiedano un numero esagerato di scarpe, e che tutte quelle paia di stivali e sandali occupino decisamente troppo spazio. È guerra anche alle borse, per il 19% degli uomini. E se per il 62 per cento degli intervistati, il problema si ripropone almeno una volta alla settimana, per l'11 per cento di loro è ormai una antipatica questione quotidiana.

Secondo Amie Ibrahimi-Brown, capo del retail marketing per i negozi del Cancer Research UK, «Un armadio debordante di capi non vi aiuterà ad essere alla moda, e, a quanto pare, rischia anche di logorare il vostro rapporto. Se riuscirete a "ripulirlo", potrete fare spazio per un acquisto nuovo e entusiasmante».

L'invito è collegato a un'iniziativa benefica: il Cancer Research, proprio in questi giorni, promuove la campagna "Detox Your Wardrobe": con il ricavato della vendita di vestiti, scarpe e accessori usati, si contribuirà a finanziare la ricerca sul cancro.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
NOMDEPLUME 71 mesi fa

ottima idea! liberarsi dalle cose inutili allarga lo spirito, se non altro :-)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).