Omosessualità, tema di studio all'Università di Milano

20 gennaio 2011 
<p>Omosessualità, tema di studio all'Università di Milano</p>

L'omosessualità e la psiche, le pari opportunità nel mondo del lavoro, i differenti tipi di discriminazione, la storia e le strategie dei movimenti omosessuali. Oggi l'omosessualità diventa un tema di studio: dal 20 gennaio, alla facoltà di Scienze Politiche dell'Università Statale di Milano, comincia "Omosessualità - un mondo nel mondo", un ciclo di undici incontri che affronterà la tematica da diverse prospettive.

Lezioni di due ore ciascuna (l'ultima mezz'ora sarà dedicata al dibattito), che varranno il riconoscimento di 3 cfu (crediti) per gli studenti di alcuni corsi di laurea, tra cui Giurisprudenza, Filosofia, Sociologia e Storia. "L'aspetto multidisciplinare - spiegano gli studenti del collettivo Gay Statale, che hanno lanciato l'idea - è l'asse portante dell'intero corso: il laboratorio cerca di riunire tutte le materie accademiche che si occupano di omosessualità, e in particolare Giurisprudenza, Filosofia, Filosofia del Diritto, Sociologia e Storia.

L'omosessualità è già stata affrontata in molti corsi universitari, ma generalmente se ne parla all'interno di un discorso più ampio sulle minoranze. Questa impostazione rischia di svuotare le questioni legate all'omosessualità della loro specificità. Per questo motivo è nato il laboratorio di autoformazione. Che si rivolge agli studenti di qualsiasi genere e orientamento sessuale".

La prima parte del laboratorio proverà a definire l'omosessualità, la seconda ne studierà i rapporti con la politica, con la giustizia, con il lavoro. Sono stati invitati anche docenti di altre università italiane, come Lorenzo Bernini, dell'Università di Verona, che parlerà de "La Queer Theory e i generi", o Vittorio Lingiardi della Sapienza di Roma, per indagare il rapporto tra "Omosessualità e scienze della psiche".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
MIMì 71 mesi fa

Credo che sia importante togliere tanti luoghi comuni intorno al tema!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).