Donne, il vino potenzia l'eros

28 gennaio 2011 
<p>Donne, il vino potenzia l'eros</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Bacco e Venere: un'intesa perfetta. Lo dicevano gli antichi, e lo conferma scientificamente uno studio di Nicola Mondaini e dei ricercatori dell'Ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze. Gli studiosi hanno analizzato il comportamento di quasi 800 donne, tra i 18 e i 50 anni, residenti nel Chianti, e hanno valutato la loro salute sessuale con il "Female Sexual Function Index", uno strumento di indagine utilizzato in campo medico. Il risultato? Le donne che bevono con regolarità uno o due bicchieri al giorno di vino hanno ottenuto un punteggio superiore rispetto a quelle astemie o a quelle che bevono occasionalmente. Questo valore, che va da 2 a 36 e cresce quanto più la donna si dichiara appagata, è determinato da diversi fattori, come l'eccitazione sessuale, l'orgasmo, la soddisfazione, l'interesse e il dolore. Nel complesso, le donne che bevono un paio di bicchieri al giorno hanno totalizzato una media di 27,3 punti, rispetto ai 25,9 di quelle che hanno bevuto un solo bicchiere e ai 24,4 delle donne che non bevono affatto.

Secondo gli esperti, l'effetto non sarebbe da ricondurre all'indebolimento dei freni inibitori: il vino agirebbe direttamente sulla funzionalità sessuale della donna. I risultati di questa ricerca, intitolata proprio "L'utilizzo moderato e regolare di vino rosso è collegato a una migliore salute sessuale femminile", sono stati pubblicati sul Journal of Sexual Medicine e nel libro "Vino ed Eros", curato, oltre che da Mondaini, da Riccardo Bartoletti, Francesco Montorsi, urologi di fama mondiale. "D'altronde, anche gli antichi Greci erano consapevoli del legame fra il vino e la soddisfazione sessuale" dice l'autore.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).