I nuovi modi di dire "Ti amo"

15 febbraio 2011 
<p>I nuovi modi di dire "Ti amo"</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Se state aspettando che lui vi riveli il suo amore, non serve controllare la buca delle lettere, nella speranza che arrivi una busta con il vostro nome scritto a mano. Meglio tenere d'occhio il cellulare e il computer: due persone su tre preferiscono dire "ti amo" con un sms o, anche, attraverso la messaggeria di Facebook. Lo dice un sondaggio pubblicato sul Daily Express, che ha analizzato le risposte di 3 mila volontari. Solo il 9 per cento di loro (e quasi tutti avevano superato i cinquant'anni) ha ammesso di avere già scritto una lettera d'amore. 24 su 100 preferiscono esprimere i loro sentimenti con una mail, e 14 hanno fatto la loro dichiarazione d'amore sulla bacheca Facebook del partner.

Anche l'erotismo è diventato telematico: 21 su 100 degli intervistati dicono di avere fatto sesso telefonico. Sembra che anche la cavalleria abbia fatto la stessa fine delle lettere d'amore: solo quattro uomini su cento hanno detto che avrebbe mandato fiori alla compagna sul suo posto di lavoro. E solo dodici hanno prenotato per lei, a sorpresa, un weekend fuori porta.

Ma l'esperto di relazioni Jo Barnett avverte: "Molte persone pensano di non avere bisogno di corteggiare la partner nella maniera tradizionale, e vogliono un rapporto più immediato. Credono di non avere abbastanza tempo da dedicare alle romanticherie. Ma sottovalutano l'importanza del corteggiamento: fare qualche sforzo per dimostrare al partner quanto sia amato è un elemento molto importante in una relazione".

Fra quelli che hanno deciso di seguire il consiglio, e di prendere carta e penna per scrivere una lettera d'amore, uno su quarto ha detto che, comunque, non avrebbe scritto qualcosa di originale, e che avrebbe consultato internet alla ricerca dell'ispirazione. Le frasi più gettonate dai "copioni" sentimentali? Al primo posto, la frase di Cime Tempestose (di Emily Bronte) con cui Catherine dichiara il suo amore a Heathcliff: "Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la mia e la sua sono la medesima cosa". Al secondo, quella di Alan Alexander Milne: "Se vivrai cent'anni, io voglio vivere cent'anni meno un giorno, per non dover stare mai senza di te". Al terzo posto, la frase di William Shakespeare, da Romeo e Giulietta: "Oh, ma quale luce irrompe da quella finestra lassù? Essa è l'oriente, e Giulietta è il sole".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Eliana 70 mesi fa

"Cime tempestose"??!? Ho pianto tanto guardando quel film meraviglioso e struggente!!

MIMì 70 mesi fa

Cime tempestose....bellissimo e mai banale! .e comunque, signori e signore, SCRIVETE PIU' LETTERE, VI PREGOOO!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).