Toglietemi l'eros ma non... il telecomando!

24 febbraio 2011 
<p>Toglietemi l'eros ma non... il telecomando!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Rinuncereste ad un mese di sesso per il pieno controllo del telecomando di casa? Se la domanda vi sembra strana già di suo, la risposta potrebbe sorprendervi pure di più, perché una persona su quattro si è detta disposta ad affrontare 30 giorni di castità pur di non rinunciare "allo scettro del comando" e poter così guardare in tv i programmi preferiti.

Lo sconfortante dato emerge dalla ricerca internazionale commissionata dalla Logitech alla "Wakefield Research" tra i possessori dell'apparecchio a raggi infrarossi e non è il solo a lasciare sconcertati, visto che un buon 21% degli intervistati ha anche ammesso di essere disposto a non lavarsi i denti pur di non mollare l'ambita preda. Ma non tutti i telecomandi vengono per nuocere, perché un ragguardevole 18% rivela di avere in famiglia ancora qualche neofita del mezzo, che non sa che pulsanti pigiare.

E proprio la complessità dell'oggetto in questione e il proliferare del numero di dispositivi sparsi per casa sono le lamentele più gettonate per il campione di matrice europea dell'inchiesta (che ha coinvolto anche Stati Uniti ed Australia), con il 92% che vorrebbe un solo pulsante per gestire tutti gli impianti elettronici di casa; l'83% che acquisterebbe subito un telecomando universale, ritenendolo un investimento utile e il 19% che ammette di non ricordare più dove siano finiti i vari dispositivi di casa, con il risultato di non poter più usare molti degli apparecchi in suo possesso, mentre il 77% degli interpellati lo trova troppo complesso: non a caso, un quinto di loro ha raccontato di aver dovuto lasciare le istruzioni scritte alla babysitter su come usarlo, pena una scenata di quelle memorabili da parte dei pargoli affidati alle sue cure.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).