L'illusione che salva la coppia

15 marzo 2011 
<p>L'illusione che salva la coppia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Una donna molto attraente con un compagno banale, o un uomo affascinante con una partner trasandata. Quante volte si vedono coppie male assortite, eppure a prova di bomba. Ma che cosa unisce la parte "migliore" della coppia a quella "peggiore"? L'illusione. Secondo una recente ricerca pubblicata su Psychological Science, le persone che tendono a sopravvalutare il partner, a tre anni dalle nozze sono più soddisfatti dei "realisti".

I ricercatori dell'Università di Buffalo hanno reclutato 222 coppie sposate, a cui hanno chiesto di compilare questionari su se stessi, sul partner e sul matrimonio, ogni sei mesi per tre anni. Poi hanno confrontato le auto valutazioni degli intervistati su intelligenza, creatività e capacità atletiche, con quelle del loro coniuge. Quelli che tendevano a enfatizzare le qualità positive del partner, erano gli stessi che riferivano di essere felicemente sposati.

«Le persone sono molto abili a modificare le loro idee, in modo che corrispondano all'immagine che vogliono avere di sé o degli altri», spiega l'autrice dello studio, Sandra Murray. «E possono decidere che il partner è perfetto per loro, anche a dispetto della realtà». In questo modo, riuscirebbero a proteggersi dalle delusioni della quotidianità. «Vedere il compagno come il riflesso del proprio ideale protegge il rapporto anche dagli effetti corrosivi del tempo. Mantenere una percezione positiva del partner permette di rimanere soddisfatti anche nel lungo periodo», dice. E, allo stesso tempo, si può alimentare l'autostima di un compagno poco sicuro di sé.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
MIMì 71 mesi fa

io l'ho sempre detto, Jane Austen ci ha rovinate! e forse salva la vita ad alcune coppie..ehehe..interessante articolo, bravissimi, come sempre.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).