She, disillude

24 marzo 2011 
<p>She, disillude</p>

Sceneggiatore, autore e disegnatore, Lorenzo Calza è nato a Piacenza nel 1970 e vive a Genova. È una delle menti creative del fumetto noir "Julia" edito da Sergio Bonelli Editore. Il suo primo romanzo, pubblicato per Robin Edizioni, si intitola "La Commedia è finita".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
eroscoach 68 mesi fa

La sessualità è uno degli aspetti più importanti della vita, ma molte donne ancora oggi la considerano un argomento tabù. Inoltre, nonostante il modo migliore per imparare a viverla meglio sia la pratica, molte persone sono timorose. Questo libro è rivolto a tutte le donne, più o meno esperte, che vogliono chiarire i propri dubbi, cercare di risolvere un problema o che, semplicemente, abbiano la curiosità di apprendere nuove ed eccitanti tecniche sessuali. La donna del terzo millennio è veramente libera? È in grado di vivere le relazioni in modo pienamente equilibrato e soddisfacente? Con questo libro l'autrice vuole aiutare le donne ad acquisire una maggiore consapevolezza dei proprio corpo e della propria femminilità, per viverla al meglio e sentirsi pienamente realizzate.

illari 69 mesi fa

maschilista

microcosmo 69 mesi fa

Lo sgretolamento dell'autostima è una inclinazione che connota il "femminino" She riconferma con ciò la sua splendida "femminilità"

she disillude... ma incanta sempre!

amalia raffa 69 mesi fa

Credo di non avere mai "letto" nulla di così divertente, irriverente e moderno.She la trovo adorabile.Mi ci riconosco spesso e volentieri.E credo che lo facciano in tante.Soprattuto le donne di oggi un po' ciniche, un po' disincantate, che sono consapevoli della "precarietà.(il lavoro precario...i sentimenti precari...)hanno saputo trasformare questi tempi "difficili e insoliti", in ironia. La cosa che più mi sorprende è che dietro "She", ci sia un uomo.E trovo che sia geniale anche per questo.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).