Caschi blu, pacifisti, poliziotti:
che coppia siete?

25 marzo 2011 
<p>Caschi blu, pacifisti, poliziotti:<br />
 che coppia siete?</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Tempo di bilanci. In primavera si sente aria di rinnovamento, e viene voglia di migliorare. Secondo John Gottman, l'autore del libro "Why Marriages Succeed or Fail and How You Can Make Yours Last", questo periodo è quello giusto anche per valutare lo stato della vostra relazione, e per capire su quali aspetti sarebbe ora di lavorare. Secondo Gottman, ci sono tre tipi di matrimonio destinati a durare.

Il matrimonio "dei caschi blu" è quello in cui entrambi i partner si sforzano di trovare compromessi e di risolvere insieme i problemi, per la soddisfazione di entrambi. Poi c'è la coppia "dei pacifisti", che non litiga praticamente mai, ascolta l'altro senza cercare di manipolarlo. Il matrimonio "dei poliziotti" è quello in cui i partner, quando litigano, lo fanno davvero con passione. Secondo Gottman, "non importa quale tipo di matrimonio sia il vostro. L'importante è che il numero dei momenti positivi che trascorrete insieme sia 5 volte più alto di quelli negativi".

Ed ecco alcuni dei suoi consigli più famosi:
1. Calmatevi e prendete tempo (per evitare un'escalation dello scontro): non ci potrà essere una conversazione produttiva se si è concitati.
2. Parlatevi, e non usate i messaggi telematici per comunicare: le persone tendono a gestire le difficoltà e i conflitti a suon di sms e mail, anche su questioni importanti. E hanno dimenticato come si fa a dialogare.
3. Sappiate chiedere scusa, e cercate di mettervi nei panni dell'altro.
4. Fate un piano per prevenire gli scontri, e per non ricadere nelle stesse discussioni.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
calzo36 69 mesi fa

senza ombra di dubbio dp il primi anni di rodaggio in cui rientravamo nella categoria dei poliziotti ora siamo felicemente nella categoria dei caschi blu

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).