Coppie bianche: due unioni su dieci
finiscono per mancanza di sesso

28 marzo 2011 
<p>Coppie bianche: due unioni su dieci<br />
 finiscono per mancanza di sesso</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Si chiamano "coppie bianche" e sono quelle in cui lui e lei, sposati o fidanzati da anni, non hanno mai avuto un rapporto sessuale completo. Secondo uno studio che ha coinvolto Censis, Società Italiana di Andrologia e un team di sessuologi americani (con riscontri in Italia a cura del centro Studi Ami), il 20% delle separazioni nel nostro Paese deriva proprio dalla mancanza di sesso nella vita coniugale.

Un vero e proprio "censimento" per capire quante sono le coppie che vivono come fratello e sorella non è mai stato fatto, ma secondo i dati raccolti dall'unità operativa di andrologia all'università di Catania, negli ultimi 10 anni nella Penisola le coppie bianche sono triplicate. Nella stragrande maggioranza dei casi (circa il 70%) primo responsabile del mancato sesso sarebbe del maschio, sempre pronto a trovare scuse o improbabili "mal di testa" pur di rifiutare o non promuovere rapporti sessuali con la compagna.

Un quadro che trova conferma nei dati dell'Associazione avvocati matrimonialisti italiani (Ami), secondo cui la famiglia italiana, intesa come coppia di sposati o conviventi, sta attraversando un momento di crisi proprio a causa di una crescente abulia sessuale. «È una situazione più frequente di quanto si creda» - spiega Fabrizio Quattrini, presidente dell'Istituto Italiano di Sessuologia Scientifica - delle trenta situazioni che seguo al momento, ad esempio, tre sono coppie bianche. In due casi il fenomeno è provocato da un'incapacità fisica derivante dal problemi psicologici e da una mancata educazione sessuale. Nel terzo caso da motivi religiosi». Queste due, spiega l'esperto, sono le cause principali all'origine di una relazione asessuata. Generalmente si tratta di coppie legate da un affetto profondo, che non hanno mai avuto penetrazione e si rivolgono a un sessuologo solo quando decidono di avere dei figli.

«La mancanza di sesso nel rapporto non viene avvertita come un problema in sé - continua Quattrini - quanto come un limite al fatto di non poter costruire una famiglia. E questo è un problema nel problema». Il sessuologo condivide il quadro delineato dal Censis: spesso la coppia bianca "scoppia" perché l'uomo non riesce ad avere un rapporto, e lei, dopo anni, finisce per cercare il sesso fuori dalla relazione.

«Risolvere questo genere di problemi è difficile - conclude Quattrini - ma non impossibile. Il primo step è quello di rivolgersi subito a un sessuologo, senza aspettare di desiderare un figlio. Prendere coscienza del problema è già un passo importante. Poi, che la causa sia il vaginismo di lei o l'incapacità a penetrare di lui, credenze religiose o fobie di altro tipo, tutto, con l'aiuto di un esperto, si può affrontare».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Penelope 46 mesi fa

Eccomi!Io faccio parte,mio malgrado,di una coppia bianca. Mio malgrado perchè non è una scelta voluta.Inizialmente il mio compagno,persona alquanto sensibile,mi confessa di non riuscire nella penetrazione perchè,come si dice,parecchio paranoico,così optiamo per il classico petting.Tutto bene ma anche quello, dopo il primo anno,si dirada e,se non fosse per me, sparirebbe.Così,dopo richieste di spiegazioni spesso irreali o parziali, decido di praticare io una sorta di ramadam con l'intento di risvegliare in lui qualcosa...ovviamente non avviene, e da quasi un anno vuoto assoluto. Cosa dovrei fare? Lasciarlo nonostante il rapporto idialliaco fuori dal letto? Parlargli ancora ed ancora? Ora sono le mie paranoie a crescere, mi sento inadeguata,brutta e poco eccitante.Si comporterebbe così anche con un'ipotetica altra?Dopo5anni sarebbe troppo tardi rivolgersi a qualcuno,ammesso che lo convincessi?Forse avete ragione voi,la monogamia non è per noi.

raffaella 47 mesi fa

Sono veramente d'accordo col messaggio qui sopra...l'essere umano non é monogamo ma ha bisogno di cambiare partner per rinnovarsi, esprimenrsi ed estrappolare se stesso al completo, attraverso l'unione con altre persone ... la religione ci ha imposto un legame diverso ma sicuramente contro natura, che ci porta a sentirci sbagliati e ad incorrere in molteplici e spesso inesauribili depressioni .....bisogna incominciare a guardare tutto cio' sotto nuova luce, solo cosi' si avra' piu felicita' diffusa, energia pura e voglia di vivere. i rapporti finiti non devono piu' essere visti con tristezza, ma percorsi importanti e necessari per giungere a compiere il proprio percorso...i partners del passato cosi' potranno restare amici e continuare a dare e ricevere amore sotto diverse forme ....

eroscoach 69 mesi fa

Gli esseri umani, maschi e femmine, non sono monogami. Dunque è il concetto di relazione o legame che è sbagliato, non la fine di un rapporto. La costruzione sociale della famiglia non è adeguata ai tempi. Tutto da rifare e rivedere. Non insegnamo alle generazioni più giovani cose sbagliate e disumane.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).