Sex over the phone,
per le donne è più facile

18 luglio 2011 
<p>Sex over the phone,<br />
 per le donne è più facile</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Se il tradimento è quasi sempre uomo, sono però le donne quelle che mostrano di avere una maggiore disinvoltura quando si tratta di inviare messaggi spinti o foto osè dal cellulare. A dirlo, lo studio Let My Fingers Do the Talking: Sexting and Infidelity in Cyberspace condotto dalla sociologa Diane Kholos Wysocki dell'Università del Nebraska e dalla collega Cheryl D. Childers della Washburn University e pubblicato su Sexuality and Culture.

In base ai risultati, si è così scoperto come due terzi del gentil sesso ricorre senza problemi a pratiche virtuali esplicitamente sexy (dai messaggi dal contenuto porno alle foto nude), al contrario della metà dei maschietti. Usando dati abbastanza insoliti come il sondaggio online del 2009 dedicato ai comportamenti in rete di 5.187 adulti del sito AshleyMadison.com (un servizio di infedeltà per persone regolarmente sposate), le due esperte si sono anche rese conto di quanto le donne siano più propense degli uomini a incontrare nella vita reale un partner conosciuto online (83% contro il 67) e di come siano meno prudenti quando si tratta di cancellare le loro cybertracce.

«Il tradimento è vivo e vegeto - ha spiegato la dottoressa Kholos Wysocki sul New York Times - ma non credo che la colpa sia di Internet quanto, piuttosto, del matrimonio stesso. Prima la gente divorziava e basta, adesso tende a restare sposata e a tradirsi. Quanto alle foto sexy, so di uomini che ne ricevono in continuazione da donne che conoscono».

Ma proprio la tipologia del campione utilizzato per la ricerca lascia dubbi sulla valenza scientifica della stessa, visto che gli utilizzatori di un sito che favorisce il tradimento non è di certo rappresentativo a livello nazionale, perché queste persone sono già (o vorrebbero essere) dei traditori e decidendo di rispondere alle domande del sondaggio volontariamente, hanno creato una sorta di autoselezione, che rende inefficace la generalizzazione dei dati. Al di là delle critiche, però, lo studio ha comunque permesso di aprire uno squarcio sull'infedeltà online, evidenziando come i partecipanti fossero maggiormente interessati a trovare un partner nella vita reale piuttosto che nel mondo virtuale.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
RubinoSegreto 65 mesi fa

Quando si vuol tradire, lo si può fare ovunque e in qualsiasi momento...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).