Almudena Grandes: «L'eros nella vita è fondamentale. Ma non è tutto»

07 settembre 2011 
<p>Almudena Grandes: «L'eros nella vita è fondamentale. Ma non è
tutto»</p>
PHOTO CONTRASTO

Almudena Grandes, chioma corvina, fisico ben tornito e sorriso seducente, è stata una scrittrice erotica di culto. Quando, nell' '89, uscì in Spagna (in Italia solo qualche anno dopo) il suo "Le età di Lulù", ci fu gran scalpore. Poi Bigas Luna ne fece un film (con Francesca Neri nei panni della protagonista) e quel diario dell'iniziazione al piacere di una donna che arriva a sfiorare l'incesto col fratello si è trasformato in un best-seller internazionale che continua a conquistare le lettrici.
Oggi però Almudena, 51 anni e tre figli, si occupa di politica ("che, come il sesso, è fatta di passione"), e rifiuta l'etichetta di "escritora erotica".
L'abbiamo incontrata al Festival della Mente di Sarzana che si è appena concluso per parlare dell'ultimo romanzo "Inès e l'allegria" (Guanda editore), corposa ricostruzione di un periodo buio della storia di Spagna. Inès è una giovane rampolla di Madrid che decide di passare dalla parte dei guerriglieri nella lotta contro Franco (siamo nell'ottobre del '44) trovando in guerra "quell'amore che non ti fa respirare come sono tutti gli amori che nascono in situazioni estreme, un amore breve ma di un'intensità tale che molti non arrivano a provare nemmeno in una vita intera".

Almudena Grandes perché "Le età di Lulù", un libro che parla liberamente del piacere femminile, è ancora così letto?

«Le donne hanno capito che l'erotismo nella vita è fondamentale. Nasce fin dall'infanzia. Bisogna però riconoscere che non è tutto».

E dunque?

«Le donne di oggi sanno che la vera passione è quella del corpo e della mente. È una forza che ti spinge a darti totalmente all'altro».

Lei ha dedicato al triangolo amoroso un romanzo, "Troppo amore", che finisce in dramma.
«Il trio è un insuccesso ed è destinato al fallimento, ma siamo nella realtà romanzesca. Tre in amore equivale a due più uno e c'è sempre qualcuno che soffre nella storia. Con questo non voglio però dire che sia del tutto impossibile un vero amore a tre».

Inès, la protagonista del suo ultimo libro, è al tempo stesso amante, attivista politica e ottima cuoca.

«Erotismo, politica e cucina non sono forse tutte e tre passioni totalizzanti che, se fatte bene, contemplano il donarsi interamente agli altri?».

Gli uomini che ruotano attorno a Inès sono perlopiù impavidi, leggendari guerriglieri pronti a tutto. Sono così gli uomini di oggi?
«Come tutti gli occidentali, sono insicuri, sentimentalmente codardi, a volte conservatori. Le nuove generazioni ci sorprenderanno, anzi ci stanno già sorprendendo: sono ottimista».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).