Sesso: quanto dovrebbe durare un amplesso?

di Guy Pizzinelli 

Il rapporto sessuale ha tempi e modi che si imparano.

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Molti si chiedono quali siano i tempi ideali e molti vivono nel mito della notte di sesso sfrenato; eppure, anche se la cosa fosse possibile, risulterebbe terribilmente noiosa! Un minuto e mezzo è poco, cinque minuti sono adeguati, otto auspicabili e venti troppi.
Di che cosa si parla? Naturalmente dei tempi dell'amplesso perfetto. Grazie ad uno studio americano si mette un punto su una delle questioni più dibattute della sessualità.
Uno studio condotto fra 50 specialisti della Society for Sex Therapy and Research di Washington, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Sexual Medicine e diffuso in Italia dall'Ansa, afferma che un rapporto sessuale che supera i 13 minuti rischia di essere poco soddisfacente e noioso.
Secondo i ricercatori il grado di soddisfazione sessuale è legato anche ai tempi del rapporto: 2 minuti sono troppo pochi e lasciano insoddisfatti, fra i 3 e i 7 minuti la situazione tende a migliorare; ma l'appagamento si raggiunge solo fra i 7 e i 13.
Dalle ricerche sembra che tempi troppo lunghi possano facilitare cali di attenzione e distrazioni, lasciando filtrare nel rapporto le preoccupazioni e i pensieri della vita quotidiana.
Un recente sondaggio che indica come durata media del rapporto di penetrazione 6 minuti (20 con i preliminari) mentre la frequenza parrebbe attestarsi su una / due volte a settimana.
Diciamo pure che non è corretto affermare che vi siano una frequenza e una durata giuste in assoluto, mentre ce n'è sicuramente una giusta per quella specifica coppia ed è quella che la rende soddisfatta.
C'è però da chiarire ancora un aspetto fondamentale. I tempi illustrati dalla ricerca, che individuerebbero quindi la normale durata del rapporto sessuale tra i tre e i tredici minuti, non includono i preliminari.
"Non vorremmo che questi dati venissero presi troppo alla lettera, né che l'atto sessuale si banalizzasse ad una performance a tempo - ha dichiarato Eric Corty - l'intento della nostra ricerca è proprio quello di tranquillizzare le coppie e molti uomini che vivono in maniera stressante la loro vita sessuale. Bisogna ricordare che la durata di un rapporto sessuale cambia notevolmente da coppia a coppia e dipende dall'interazione dei singoli individui".
Sandra Byers, psicologa del dipartimento di sessuologia dell'Università del New Brunswick, sostiene che i risultati delle sue ricerche dimostrano che uomini e donne vorrebbero spesso che gli amplessi durassero più a lungo di quello che avviene nella realtà e che tutti auspicano una migliore comunicazione sull'argomento.
Quello che in realtà è fondamentale non è la durata, bensì la qualità del rapporto. Quindi è bene focalizzare il pensiero non sulla durata, ma sul partner.