Coppia in crisi: come gestire il momento buio di una relazione

di Guy Pizzinelli 

Cosa fare quando ci si accorge chge la coppia è in crisi e che il rapporto  è a rischio? Quali rimedi si possono trovare per ricucire la relazione?

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Prima di arrivare alla separazione definitiva, e quindi alla fine di un rapporto di coppia si possono cogliere quasi sempre una serie di segnali che lasciano intendere che qualcosa non funziona più.
Capire quali sono questi segnali può aiutare a recuperare un rapporto prima che la coppia entri in crisi e concluda che è arrivato il momento di separarsi.
Ecco alcuni esempi di questi "avvertimenti".

Ti scopri a non dare più il tuo sostegno al partner
Il fatto che hai smesso praticamente di offrire (o di ricevere) sostegno e approvazione alla persona che ci sta accanto è il primo segnale da prendere in considerazione e su cui è necessario "lavorare". Perché è il comportamento di rifiuto che, prima di ogni altro, determina un generale sentimento di malessere psico-fisico.

Il pessimismo e il fastidio (per lui o lei)
Uno dei segnali di insoddisfazione nella coppia è dato dal circolo vizioso di pensieri negativi e atteggiamenti ostili nei confronti dell'altra persona. Che vanno dalla discussione perché il latte è finito al covare l'idea di abbandonare il/la partner in un autogrill alla prima occasione!

I bisogni ignorati
Voi esprimete a voce alta un dubbio relativo all'ultima visita dei suoi genitori. Lui, prontamente, vi ignora sdraiandosi sul divano a guardare la tv. 
Un altro pericoloso segno di malcontento all'interno di un rapporto è il sistema "richiesta-rifiuto", che denota una forte incomunicabilità. In genere, è la donna ad avanzare richieste o lanciare argomenti di discussione, mentre l'uomo, tra i due, è colui che tende a rifiutare il confronto, isolandosi.

L'accanimento contro i suoi difetti
Fare ripetutamente l'inventario delle carenze del partner non è il modo migliore per mantenere l'armonia. Quelle "distorsioni cognitive", quelle "convinzioni irreali" che, specie nei primi tempi, rendono la persona amata un essere pressoché "perfetto", fanno bene alla relazione e sono determinanti per la soddisfazione di coppia. 
Pertanto, finché l'interpretazione personale di ciò che altri definirebbero "difetti" è positiva, tutto filerà liscio. In caso contrario, meglio alzare le antenne e indagare su cosa effettivamente non va più.

Il suo mod di esswere non ti soddisfa più
"Mi piace e desidero un uomo come Brad Pitt". "Non ho intenzione di accettare alternative" (nonostante un partner ci sia già...). Se la mettete così, l'insoddisfazione è garantita!
Ora che avete gli elementi giusti, potete mettervi al lavoro e salvare il vostro rapporto!

 

Commenti dal canale


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it