Come gestire la crisi di coppia

di Guy Pizzinelli 

Quando una coppia sta insieme da parecchio la crisi di coppia è inevitabile.  Vediamo come gestirla al meglio

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

La crisi di coppia non è quasi mai determinata da un solo evento, e ha come tratto distintivo il protrarsi nel tempo. Ci può certo essere un evento scatenante più o meno destabilizzante, come per esempio la scoperta di un tradimento, ma generalmente la coppia si ritiene in crisi quando il emerge una generale criticità sulla vita della coppia.
Si parla di crisi di coppia quando i partner vivono un malessere che dura nel tempo e, nonostante il desiderio di cambiamento, i tentativi di risolvere i problemi non hanno dato esito positivo o, addirittura, si sono trasformati in dinamiche ripetitive che alimentano il problema anziché risolverlo.

Le statistiche parlano chiaro. I motivi più frequenti della crisi in una coppia sono:

  • Un tradimento
  • Problemi di tipo sessuale o difficoltà nell'intimità
  • Uno dei due non è più innamorato
  • La presenza di emozioni negative (noia, rabbia, senso di solitudine e molte altre)
  • Interferenza dei genitori o parenti stretti
  • Problemi materiali, specialmente economici
  • Eventi particolarmente difficili da gestire (lutti, malattie, catastrofi)
  • Uno dei due ha troppi problemi personali che si riversano sul rapporto di coppia
  • Difficoltà nel comunicare

Due esperte, Alessandra Carbone, pricoterapeuta di coppia e Daniela Lipari, sessuologa, ci indicano quattro strategie:
I punti chiave per rinnovare un rapporto spento dalla routine sono quattro:

- Affrontarla con ironia

«L'ironia, si sa, dentro e fuori la coppia è un'arma potente», osserva la psicologa Alessandra Carbone. «Nelle relazioni sentimentali aiuta a imparare a ridere delle proprie debolezze: proprio per questo motivo, serve a interrompere i meccanismi su cui si costruisce un conflitto, primo fra tutti, la rabbia che scaturisce dalle proprie fragilità».

- Ritagliarsi spazi e tempi

«L'autonomia e l'autorealizzazione sono le principali antagoniste della simbiosi, vera nemica della coppia», spiega Daniela Lipari. «Non solo, la comunicazione tra i partner si fa più ricca, perché supportata dallo scambio di nuove esperienze».

- Cambiare atteggiamenti

«Entrare nella filosofia del partner, sforzarsi di parlare il suo stesso linguaggio possono rivelarsi un'ottima strategia per superare i contrasti caratteriali», sottolinea Carbone. «Molte coppie vanno in tilt proprio a causa di questa incapacità o, spesso, mancanza di volontà. Adottare il medesimo comportamento del partner è il modo migliore per creare una sorta di specchio con cui l'altro possa confrontarsi e, al tempo stesso, riflettere sugli scompensi che il suo atteggiamento crea all'interno della coppia».

- Seguire l'istinto

«L'istinto è il motore della passione e, quindi, di una parte importante della relazione«, dice la Lipari. «Quando non ci sono problemi particolari può bastare, da solo, a cambiare le regole del gioco di coppia, a "rilanciare"». Comportatevi come se vi incontraste per la prima volta, scegliendo il luogo appropriato, il modo di vestire adatto, riavendo tutti quegli atteggiamenti che avevate accantonato per abitudine. Se l'amore c'è ancora la fiamma continuerà a bruciare.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it