Amicizia uomo-donna: può esistere davvero?

di Guy Pizzinelli 

L'amicizia tra uomo e donna è un tema abbastanza ricorrente, un concetto caratterizzato da una notevole ambivalenza.

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Si sa, la teoria è precisa in merito. L'amicizia vera intra-genere non ammette cedimenti da un punto di vista sessuale: è un rapporto paritario e per così dire puro; nel momento in cui entra in ballo l' attrazione fisica o l'amore non si potrà più parlare di amicizia.
Se il rapporto si trasforma in amore è chiaro che si passa da un livello ad un altro. Ma se è solo la componente sessuale ad entrare in ballo, si creano la maggior parte delle sofferenze e dei fraintendimenti. Occorre stare molto attenti.
Tutto bello, in teoria. ma nella realtà?
Accade spesso che alla base di un rapporto d'amicizia, vi siano differenti aspettative da parte dei due soggetti e molto spesso uno dei due non riesce a tenere a freno il suo interesse, anche perché l'amico e l'amica si presta bene ad essere l'oggetto di facili proiezioni (l'uomo/la donna ideale, quello/a che veramente ti capisce)
Amicizia uomo donna, il rischio dell'attrazione
La sensazione che ogni rapporto di amicizia tra uomo e donna sia contraddistinto da una certa forma di attrazione, da un velato erotismo è confermata da uno studio della University of Wisconsin-Eau Claire. Secondo i ricercatori, specialmente per gli uomini un certo grado di attrazione sessuale nei confronti dell'amica donna è quasi una costante.
Spesso questo legame sessuale è inconscio, espresso in modo scherzoso, ma i risultati hanno mostrato che gli uomini tendono ad essere attratti dalle loro amiche molto più di quanto non accada a queste ultime, e questo vale sia che le amiche donne siano impegnate o meno. Questa attrazione avrebbe due conseguenze principali: il fatto di ingigantire inconsciamente il legame e travisare i segnali che l'amica invia, e secondariamente il rischio di nascondersi in relazioni sentimentali meno soddisfacenti o nei casi più gravi nel rifiuto di una relazione seria.
Nella sua purezza, però, una vera amicizia fra uomo e donna comporta una presenza nella vita privata di entrambi con momenti esclusivi.
Per capirci meglio, un uomo (il discorso vale ovviamente anche per una donna) può definire "amica" la moglie di un suo amico; potranno vedersi tutti insieme, ma se non ci saranno momenti esclusivi, loro due soli, con l'esclusione dell'amico e marito della donna, non si può parlare di vera amicizia, ma di amicizia parziale. Allo stesso modo non si può parlare di "vera amicizia" se un uomo e una donna si incontrano in un momento esclusivo finalizzato però a qualcosa di diverso del semplice vivere bene: un incontro di lavoro, un hobby che hanno in comune (al di fuori del quale non si vedono in modo esclusivo, supponiamo una coppia di ballerini professionisti) ecc.
Una vera amicizia si ha invece quando uno dei due invita l'altro a cena, passano una serata al cinema o a ballare, si vedono per parlare delle loro vite, magari vanno in vacanza insieme.
È davvero possibile, quindi? Beh, in realtà, come sempre dipende da voi.