Come funziona Tinder?

di Guy Pizzinelli 

Ecco come si usa l'app studiata apposta per rimorchiare

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Molto semplicemente Tinder è una applicazione per cellulari con un obiettivo chiaro: facilitare gli appuntamenti con altre persone che stanno vicino a te, grazie alla funzione GPS.
A partire dalla tua posizione geografica l'applicazione disegna un cerchio più o meno esteso, all'interno del quale vengono scelti altri utenti sulla base dell'età (che puoi scegliere a piacimento).
Conta una comunità di "single" già molto numerosa. Tinder facilita il tutto prendendo i dati da Facebook per far combaciare interessi e scoprire informazioni sull'altro. Ma se per creare il proprio profilo su Tinder vengono richieste le credenziali Facebook, al momento della connessione è ben specificato che Tinder non pubblicherà alcun contenuto sulle vostre homepage FB.
Rassicurati da ciò, una volta effettuato l'accesso si specifica il proprio sesso, il sesso con cui vi interesserebbe farlo (il Sesso, quello orizzontale, magari) e il raggio entro il quale le vostre prede devono trovarsi fisicamente per risultare appetibili.
Si scelgono fino a sei fotografie da proporre agli altri utenti e poi si iniziano a scorrere le foto dei vostri ipotetici partner votandole con un cuoricino verde se vi interessa, con una X rossa se il tipo (o la tipa) non fa per voi.
Se qualcuno degli utenti vi avrà reputato interessante, e se voi avrete ricambiato l'interesse per quello stesso utente, allora tinder vi metterà in contatto attraverso la chat. Ed è lì che inizia tutto.
Di fatto, comunque, molto spesso e molto presto si passa però su altre piattaforme per chiacchierare. Infatti, quella di Tinder non permette lo scambio di foto in chat privata. Cosa invece richiestissima e che Skype, Facebook e WhatsApp permettono.
Uno dei pericoli più bizzarri di Tinder è quello che nel gergo della Grande Rete si chiama "catfishing". Il termine deriva da un film documentario americano intitolato proprio Catfish (pesce gatto), che narra di come un ragazzo si sia innamorato di una fantomatica e attraente "Megan" conosciuta sui social network, per poi scoprire che si trattava di una donna sovrappeso e di mezza età chiamata Angela.

Riassumiamo quindi i passi fondamentali in questa mini-guida.

  • Scaricate l'app: supporta tutti i sistemi operativi, quindi potrete farlo senza problemi.
  • Una volta effettuato il download dovrete associare il vostro profilo Facebook all'applicazione; fatto questo avrete dunque impostato in automatico l'immagine del profilo, l'età e il sesso.
  • Personalizzate il vostro profilo scegliendo 6 fotografie dalla vostra gallery su Facebook: siate molto accorti nel selezionarle, scegliete le migliori ed evitate (consigli all'alto) quelle che vi ritraggono con animali, amici e familiari. Dovrete esserci soltanto voi, ritratti nelle migliori pose possibili.
  • Descrivetevi in massimo 500 caratteri, usando le parole giuste che aiutino gli altri a comprendere chi siate veramente.
  • Impostate le preferenze: età (es. minimo 18, massimo 50), sesso e distanza dalla vostra posizione grazie all'aiuto del GPS.
  • Ora cominciamo a fare sul serio: Tinder vi presenterà diversi profili. Fate uno swipe verso destra se vi piace un profilo, fatelo verso sinistra se volete scartarlo. Avrete la possibilità - in forma anonima - di dare il vostro apprezzamento o no. Il primo lo si fa toccando il cuore verde; il secondo toccando la X rossa.
  • Avete ricevuto un riscontro? Ovvero, qualcuno a cui avete segnalato il vostro apprezzamento contraccambia? Bene, allora potrete cominciare a chattare e magari a organizzare il vostro primo appuntamento.

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it