Donna single: come vivere bene senza un compagno

di Guy Pizzinelli 

Come gestire la vita da single: propspettiva spiacevole oppure occasione da cogliere?

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

"Single è bello!" Oppure no, è brutto? Essere single non è sempre uno status che piace a tutti, ma per mole non è un problema.
Se da una parte, infatti, ci sono donne che non sanno stare da sole e che sentono la necessità di avere qualcuno al proprio fianco, anche come sicurezza psicologica, lo stato di single può essere vissuta nel modo giusto e diventare così un'occasione per (ri)prendersi cura di sé, riflettere e conoscersi meglio.
Il primo consiglio è quello quindi di non preoccuparsi di ciò che vi diranno le amiche, dopo un po' di mesi che vi vedranno da sole, o di cosa penseranno la gente o i parenti e soprattutto se vi chiederanno come mai siete single.
Le donne autonome oggi si chiamano single con fierezza, e gli aggettivi che si accostano a esse non richiamano di certo il concetto di solitudine: libera, indipendente, determinata. Oggi la condizione di single, spesso evoca anzi uno stato quasi di vantaggio, di leggerezza, di possibilità di vera realizzazione.

In questo pazzo e convulso mondo del lavoro, poi, essere "single per scelta" significa solo un adattamento a una vita che, tra pressioni sociali e lavorative, rende sempre più difficile vivere le proprie esigenze e i propri desideri se nel contempo dovete occupavi anche delle responsabilità di compagna e fidanzata o moglie.
Un rapporto significa condivisione di quasi tutto e tutti i giorni: una donna single non ha questo problema perché può dire "non ho voglia di" senza avvertire quello strisciante  senso di colpa derivante dal rifiuto di assecondare desideri non spontanei: insomma viva anche un po' di sano egocentrismo.

Ma è vero che restare single può fare molto bene alla salute?
Sì: una ricerca condotta dall'Università della California su 8.000 donne dai 20 ai 55 anni ha rivelato che chi non è fidanzata o sposata sposato si dedica di più all'attività fisica rispetto a chi è accoppiata. E come sappiamo, l'esercizio fisico è direttamente collegato ad altri benefici per la salute, come il miglioramento dell'umore, migliore qualità del sonno, migliorata attività cardiovascolare e perfino migliori prestazioni sessuali.

Non ultima: l'autosufficienza.
Da sole s'impara a godersi il tempo solo per sé stesse, sì, ma anche a prendere decisioni importanti e risolvere problemi che prima magari delegavi a Lui. Insomma, single si cresce, anche. E riuscire a vivere in modo indipendente ed appagante è un'importante evoluzione che spesso è a molte persone che vivono in coppia.
Insomma sì, single è bello.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it