Flirt su Facebook:
incontrarsi o no?

di Guy Pizzinelli 

Scopri la risposta di Guy alla lettera di Teresa
(Vuoi un consiglio, un confronto diverso sulla situazione sentimentale che stai vivendo? Chiedi un parere a lui! lapostadelcuore@style.it)

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Photo Corbis

Photo Corbis

Ciao Guy!
Mi chiamo Teresa, ho 24 anni e sono una studentessa.
Da qualche mese ho conosciuto un ragazzo su facebook.

All'inizio ci sentivamo sporadicamente,
da circa quattro mesi, però,
abbiamo iniziato a interessarci sempre di più
l'uno della vita dell'altra,
soprattutto con indagini velate sulla sfera
sentimentale.
Lui mi ripete di continuo, con fare ironico, che è un ragazzo perfetto,
pavoneggiandosi e aumentando la mia curiosità.
Così abbiamo deciso di incontrarci, perchè avvertiamo una sorta di sintonia
anche solo parlando in chat. Sembra assurdo?
A volte mi sembra di esagerare, pensando che si possa avvertire un feeling
particolare per via telematica...
L'unica nota "stonata"(?) di questa vicenda è
che vivendo distanti,
io a Bari e lui a Milano, abbiamo difficoltà nell'esaudire il desiderio
di incontrarci e poter finalmente parlare vis-à-vis.
Purtroppo, dice di
non potersi spostare da Milano per problemi di lavoro e se mi raggiungesse lui potremmo stare insieme per pochissimo tempo. 
Pertanto, mi ha invitata molte volte a raggiungerlo, raccontandomi come potrebbero essere le nostre giornate se andassi lì e dicendomi che gli piacerebbe tantissimo
potermi incontrare e invitarmi a uscire.. 
Sembra molto
gentile, ma mi chiedo: faccio bene a fidarmi?
Questo ragazzo mi sta intrigando
molto, vorrei conoscerlo, ma ho dei dubbi.
Temo che sia solo una fregatura!
Probabilmente sono prevenuta,
ma farei bene a incontrarlo?
A raggiungerlo a Milano?
Grazie mille per i consigli che vorrai darmi!
Teresa

È un fenomeno interessante quello delle conoscenze che avvengono sui socialcosi. Non sono uno di quelli che teme la realtà virtuale opposta a quella fuori, ma neppure sono entusiasta per default verso le conoscenza fatte in rete. Alla fine non credo siano molto diverse, per prospettive e natura, da quelle fatte in Real Life.
La grossa fregatura di quelle in rete sono le aspettative che creano/ci creiamo in noi. Un'altra grossa fregatura è la distanza tra due persone, che complica tutto.
Vista da qui, non credo che l'idea di fare un salto a Milano a conoscere questo ragazzo sia cattiva. Alla tua domanda faccio bene a fidarmi? Rispondo: te la faresti anche se lui fosse di Bari? E poi, insomma, al massimo ti fai un giro per shopping nella piccola mela padana, no?
Quello su cui rifletterei davvero tanto, piuttosto, è imbarcarmi in una storia con qualcuno di Milano, vivendo a Bari. A meno che tu non abbia in programma di andare poi a lavorare al nord, una volta finiti gli studi. Le uniche distanze che perdonano sono quelle che riusciamo a superare fisicamente. Delle altre finiamo sempre vittime.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it