Un po' di (in)sana confusione

di Guy Pizzinelli 

Divisa tra il fidanzato e un collega. O forse no. O forse...
Leggi la risposta di Guy a Helly

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Photo: Corbis

Photo: Corbis

Ciao Guy,
ho voluto scriverti perché mi piacciono le risposte che dai, sono sincere e non scontate.
Ti racconto la mia storia: sto da quasi due anni con l'amore della mia vita e non è stato facile per me iniziare questa convivenza perché mi sono trovata sola, senza amici e con i genitori lontani, ma sono andata avanti per amore e perché volevo dimostrare a me stessa e ai miei che ero in grado di camminare con le mie gambe.
Nel primo anno facevo solo casa-lavoro e lavoro-casa;  sentivo però che mi mancava qualcosa, ovvero il forte bisogno di diventare madre. Ne ho parlato con il mio ragazzo ma lui, non sentendosi pronto, mi ha risposto che ci doveva pensare...
Sono entrata in crisi profonda, mi sentivo senza un obiettivo nella vita, non mi sentivo più apprezzata come donna. Allora ho iniziato a cercare fuori casa quello che mi mancava, e un collega di lavoro (quasi separato con figli)  mi ha fatto sentire apprezzata, amata e stimata...
 Abbiamo iniziato a vederci di nascosto, è scattato un bellissimo feeling tra noi: scherziamo e ridiamo come se ci conoscessimo da una vita, ma al di là di qualche bacio molto passionale, non abbiamo mai fatto sesso perché io ho detto che non volevo, e lui forse ha rispettato questa mia decisione.
Stavo molto bene con lui, così gli ho fatto capire che mi sarebbe piaciuto avere una storia, se non fossi stata fidanzata. Anche a lui, a parole, sarebbe piaciuto, ma poi ha aggiunto che ha troppi problemi familiari, e che è giusto che io abbia la mia vita e che mi realizzi come madre...
Così, mi sono allontanata da lui dicendogli di lasciarmi stare perché vogliamo due cose diverse dalla vita....ma vedendoci tutti i giorni non è facile e ci siamo riavvicinati. Lui è sempre presente e, quando mi allontano, fa di tutto per farmi riavvicinare: vuole sapere tante cose di me, dei miei problemi di salute, del mio passato, ed è geloso.
Prima di conoscere il mio fidanzato ho cercato per tanto tempo un tipo come il mio collega; se fossi stata libera avrei veramente perso la testa per lui!
Questa storia mi sta veramente esaurendo: da una parte ho il mio fidanzato, che è la ragione della mia vita e che spero con tutto il cuore sarà il padre dei miei figli; da un'altra ho il collega che adoro in tutti i sensi, anche se è un rapporto effimero che non porta a niente, ma non riesco a stargli lontano.
COSA VUOLE DA ME SAPENDO CHE NON FARO' SESSO CON LUI E CHE NON VUOLE UNA STORIA DA ME? Dovrei chiudere questo rapporto, una parte di me vorrebbe e un'altra invece no.
Ti ringrazio.
HELLY

Cara Helly,
innanzitutto devi sapere che nulla fa più scappare a gambe levate un uomo (o quantomeno raffreddare gli entusiasmi) che una donna il cui orologio biologico sta suonando le campane a grandi rintocchi.
Io, però, faccio anche fatica a comprendere (e sinceramente a giustificare) un'affermazione come quella secondo cui se il tuo ragazzo non è pronto a darti un figlio, questo debba per forza farti sentire meno apprezzata come donna.
Meno realizzata nel tuo personale desiderio di maternità, ok. Ma meno apprezzata?
Dall'altra parte, comunque, tu hai trovato il collega a cui piaci, sicuramente interessi anche molto, ma che - giustamente, direi - in questo momento ha bisogno di uscire dalla situazione in cui è per poi prendere fiato, rifasarsi, ricalibrarsi e capire cosa vorrà fare nel suo futuro; e quindi meno che mai è pronto a fronteggiare e soddisfare i tuoi bisogni di maternità (te l'ha detto abbastanza chiaramente con quel "è giusto che tu abbia la tua vita e che ti realizzi come madre.")
Infine, parliamo anche un secondo delle tue intrinseche contraddizioni, quando affermi: "Prima di conoscere il mio fidanzato ho cercato per tanto tempo un tipo come il mio collega.... se fossi stata libera avrei veramente perso la testa per lui", e due righe più sotto: "il mio fidanzato è la ragione della mia vita e spero con tutto il cuore sarà il padre dei miei figli".
Se il tuo fidanzato è la ragione della tua vita com'è che vai a cercare altro dal collega? E cosa, esattamente, vai a cercare?
Io credo che tu debba mettere un attimo in stand-by l'urgenza riproduttiva per capire bene se e come il tuo ragazzo è davvero la persona giusta; se per te è più importante trovare un uomo che ti dia un figlio, o un uomo con cui stare bene di per sé.
Dopodiché potrai forse decidere cosa fare di queste tue relazioni e potrebbe essere che tu opti per chiuderle addirittura entrambe.
I figli, poi, verranno, non temere.
Guy

(Vuoi un consiglio, un confronto diverso sulla situazione sentimentale che stai vivendo? Chiedi un parere a lui! lapostadelcuore@style.it)


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it