Uomini che non ricambiano le donne

di Guy Pizzinelli 

Quando c'è ben poco da fare e situazioni diverse hanno un'unica soluzione: desistere.
Leggi le risposte di Guy a tre donne non ricambiate.

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Photo: Corbis

Photo: Corbis

1) Caro Guy,
seguo spesso la posta del cuore e mi piace molto, complimenti!
Ho 20 anni, e da un anno e mezzo sono ritornata in Italia dopo una permanenza all'estero di 4 anni.
Al mio ritorno la compagnia degli amici era mutata quasi completamente, e si era aggiunta questa persona che chiamerò L.
A me è piaciuto da subito, proprio al primo sguardo, quando ci siamo stretti la mano, e mi sono accorta che per lui era lo stesso: un'alchimia  formatasi immediatamente e che non si è mai spenta nemmeno oggi.
Il tempo passa, ci conosciamo meglio e a me piace ogni giorno di piu; trovo naturale rispettarlo e volergli bene.
Ridiamo, scherziamo ci scambiamo aguardi di intesa, etc.
Tutto questo nell'ambito della compagnia. Quando parliamo da soli siamo
entrambi abbastanza imbarazzati; insomma: almeno un minimo interesse è palese, non è frutto della mia immaginazione, anche perché viene notato da altre persone.
Ovviamente lui non fa nessun passo avanti, ma me lo aspettavo e non è un
problema: non sono impaziente, posso aspettare anche perche non vado da nessuna parte. Però qui viene il problema, perché noto che lui nutre simpatia anche per un'altra ragazza di ben 3 anni piu giovane di me, e sostanzialmente molto meno attraente (e questo non lo dico io).
Io mi sento ridicola; non presa in giro perché dopo tutto lui non mi ha promesso niente, ma mi viene il nervoso una sera in cui siamo a una festa e mi chiede di ballare davanti a lei (apposta). Io rifiuto, ma poi lei si offre di ballare con lui; io me ne vado: non ho la minima intenzione di
assistere a quella scena.
Poco dopo lui torna a insistere di ballare con me, e mi stringe forte a se e balliamo, ma io mi scanso subito. Insomma, quando c'è lei, lui è completamente diverso nei miei confronti: si pettina, si fa bello, e mi tratta come un amica; ma quando lei non c'è fa il marpione.
Lei mi fa pena è solo un adolescente che si crede innamorata e ci sono gia passata anche io, lo so. Ora, io non mi reputo innamorata perche convinta che l'amore sia un sentimento che si costruisce in due, ma lui mi piace veramente; tanto che non me l'aspettavo di reagire cosi, dato che non ho mai provato gelosia.
Per favore, aiutami a capire il suo comportamento, perche io proprio non ci arrivo! Se non gli piaccio perche non me lo dice e si mette con lei? Percheé quando mi ha stretto a se tremava come una foglia? Perche mi ha chiamato otto volte di fila con una scusa banale solo per parlare al telefono con me (io non ho risposto alle prime sei chiamate)? I maschietti sono cosi, gli piace avere le ammiratrici, ma mi aspettavo davvero che lui fosse diverso, almeno un pò. Ormai è il mio chiodo fisso!
Saluti, M.

2) Buongiorno io sono Sara.
Ho sposato un uomo meraviglioso sotto tanti punti di vista, affettuoso, disponibile generoso ma con un solo difetto lui è gay.
Veramente si professa bisex ma è solo una copertura perchè i suoi gusti sono quelli che tu puoi immaginare. Abbiamo avuto un figlio e la nostra vita senza sesso è andata come andata per un certo numero di anni fino a quando io ho incontrato un collega che purtroppo mi ha fatto perdere la
testa. Il problema non sono io ma lui.
Lui proviene da molteplici storie complicate che alla fine si sono dimostrate fallimentari, un matrimonio con un figlio, una convivenza con un altro figlio, e infine una storia con una persona sposata che ha solo portato confusione.
Io l'ho conosciuto quando la donna sposata lo aveva appena lasciato brutalmente e lui mi ha scaricato dicendo che non voleva avere niente a che fare con donne sposate. Poi lei è tornata e lui ci si è rimesso insieme,  e ora pare si siano di nuovo lasciati.
Nel frattempo del mio amore ne ha fatto polpette: mi sono ritrovata a fargli una dichiarazione, per poi scoprire su Facebook che siera rimesso con quella donna senza neppure dirmelo.
A quel punto io mi sono tirata fuori e ho cercato di evitarlo, ma quando sono venuta a sapere che la storia era finita purtroppo sono entrata in crisi. So cosa pensi cosa mi dirai: che lui con il suo comportamento ha fatto capire in modo inequivocabile che non nutre gli stessi sentimenti che provo io e comunque nonostante tutta la mia volontà io non riesco a fargli dire cosa prova veramente. Comprendo come le storie che non si sono concluse o che si sono concluse in modo non lineare creano problemi e che è facile che questi problemi irrisolti gravino sulla disgraziata che si trova in quel momento, lì. Perchè certi uomini non riescono a concludere e ad andare avanti? Perchè si crogiolano in amori molesti e disastrosi che li massacrano senza offrire né futuro, né pace?
Tu sei un uomo, mi aiuti a capire?

3) Ciao,
ho 32 anni e da quasi otto anni sto con un ragazzo che mi ama molto
e con il quale condivido tutto.
Tuttavia da circa un anno ho scoperto di essere attratta da un'altra persona. Non parlerei di amore ma proprio di attrazione fisica. A complicare le cose il fatto che questa persona è uno dei miei titolari, ha 5 anni più di me, è divorziato dalla prima moglie con la quale ha
un figlio, e ora ha una compagna e altri due figli.
Di lui mi piace tutto, sia a livello fisico che mentale. Tutto è cominciato perchè mi sono accorta che mi guardava in modo diverso dal solito: ad esempio arrivavo la mattina in ufficio, e nel salutarci lui scorreva il mio fisico dalla testa ai piedi, oppure a volte lanciava sguardi al mio seno, per non parlare dei complimenti anche indiretti o delle volte che mi sfiora mentre stiamo controllando insieme qualche pratica e mi sta praticamente attaccato, e quando gli chiedo qualcosa mi fissa dritto negli occhi senza dise niente. Insomma ho cominciato a vederlo con occhi diversi anche io anche perchè tutti questi suoi atteggiamenti, non lo nascondo, mi facevamo enorme piacere. In ogni caso non c'è mai stato niente perchè ho sempre cercato di essere indifferente. Fondamentalmente sono abbastanza timida quindi di fronte ai suoi comportamenti a volte mi trovavo anche in imbarazzo.
Da alcuni mesi però la situazione è cambiata, perchè lui ha cambiato
atteggiamento, e se prima mi chiamava in ufficio 10 volte al giorno, adesso
magari preferisce inviarmi una mail.
Insomma per farla breve, forse si è reso conto che stava esagerando?
Sto impazzendo perchè sta diventando un pensiero fisso e mi sento in colpa
da morire nei confronti del mio compagno, anche perchè quando faccio l'amore con lui a volte penso a quest'altra persona.
Non so cosa fare: ho anche pensato di trovarmi un altro lavoro per non vederlo più e togliermelo dalla testa.
Sono proprio disperata, soprattutto perchè mi son tenuta sempre tutto per
me e non ne ho parlato mai con nessuno...cosa devo fare?
S.

Ho raccolto ben tre lettere, qui, di tre donne diverse, con situazioni e storie (apparentemente) diverse.
L'ho fatto, nonostante le risposte "polivalenti" siano qualcosa che non amo, perché pur nella loro diversità le vostre tre storie presentano tre donne che sono consapevoli della situazione in cui si trovano, di come stanno le cose (in fondo) e di cosa dovrebbero fare. E d'altra parte, i tre rispettivi uomini hanno comportamenti sin troppo chiari, pur nella loro ambivalenza apparente.
Potrei dare una risposta sola, a tutt'e tre: segui il tuo istinto.
Istinto, badate, perché "segui il tuo cuore" in questi (e molti casi) è fondamentalmente una stupidaggine - anche se fa vendere un sacco di libri -  basata sul concetto dell'immolarsi allegramente per un sentimento.
Spessissimo, anzi, quasi sempre, il cuore ci mette nei guai, ma l'istinto ce ne tira fuori.
Ora, se l'istinto qui molto probabilmente suggerisce a tutt'e tre di lasciar perdere queste storie con uomini che non vi ricambiano come vorreste, lo stesso istinto senza dubbio sta bisbigliando al vostro orecchio anche le ragioni di queste frustrazioni e delusioni.
La verità è che noi uomini possiamo essere sì complessi nel modo in cui viviamo le nostre emozioni (nel caso di quelli di noi che sono più evoluti), ma siamo abbastanza lineari e semplici da comprendere per come viviamo e gestiamo le nostre storie, e, alla fine, funzionaimo più o meno tutti in questo modo: se vi vogliamo davvero e ci teniamo a voi, se davvero vogliamo vivere una storia con voi, che sia di passione travolgente o di amore totalizzante, ve lo facciamo capire molto chiaramente.
Senza tentennamenti, senza indecisioni. Senza comportamenti che "non capite" (o non volete capire?).
Tanto che nel peggiore dei casi ci zerbiniamo abbastanza (zerbinarsi, rifl.= porsi a mo' di zerbino di fronte a qualsivolgia capriccio o desiderio espresso o anche solo accennato da una donna, generalmente ripondendo l'orgoglio, spesso anche la dignità ), nei migliori, comunque, non vi facciamo capire solo a parole, di tenerci a voi, ma ve lo dimostriamo anche, quantomeno con una presenza tangibile.
Ora, una mia amica ha coniato un'espressione bellissima, per questo tipo di situazioni: l'uomo che si fa di nebbia. Tanto eloquente che non credo di dovervela spiegare, vero?
Ecco, questi uomini, come pure quelli che cambiano radicalmente atteggiamento e mostrano improvvisamente disinteresse, fareste meglio a lasciarveli alla spalle.
Siano essi mariti, amanti o semplici sbandate momentanee.

(Vuoi un consiglio, un confronto diverso sulla situazione sentimentale che stai vivendo? Chiedi un parere a lui! lapostadelcuore@style.it)


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it