Quasi perfetto,
ma non romantico:
è un problema?

di Guy Pizzinelli 

Una sognatrice che vuole la favola e il classico bravo ragazzo che molte sognerebbero. Eppure per lei non basta…

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Caro Guy,
Ho una relazione da otto anni con un ragazzo dolce e sensibile ma, per quanto riguarda il romanticismo, lascia molto a desiderare.
Ci siamo messi insieme che avevo 19 anni ed ero vergine - ho avuto poche esperienze sentimentali prima di lui. Sono sempre stata una romanticona, e sognavo che, quando avrei trovato l'amore, le fiabe si sarebbero avverate… il principe azzurro, la principessa… eccetera.
Invece, in otto anni di amore incondizionato da parte mia, fra gesti romantici, striscioni, cenette, torte fatte in casa e cacce al tesoro, il SUO gesto più romantico è stato quello di regalarmi un mazzo di fiori: questo è stato il massimo.
All'inizio, stavo zitta e aspettavo una sorpresa; poi ho capito che non sarebbe mai arrivata, e mi sono rassegnata. Ne ho parlato e riparlato con lui, ed era dispiaciuto. Si era ripromesso di impegnarsi, ma non è cambiato niente.
So che dovrei accettarlo così com'è, ma per me è troppo importante, è come una conferma del suo amore.
So anche che lui me lo dimostra in tante piccole cose, quando torno dal lavoro e trovo la cena pronta, o trovo casa pulita, o mi ha riparato quella cosa che era tanto che gli chiedevo, ma io sono una sognatrice e il sogno sta uccidendo la mia realtà, cioè che ho un ragazzo meraviglioso accanto che mi ama da morire.
Solo che ancora una parte di me non riesce a lasciare andare quell'ideale di romanticismo.
Non so… la cosa è diventata gigantesca e non so cosa fare.
In fondo vorrei solo che non si vergognasse di ballare con me, magari a una festa di paese, la mia canzone preferita, o che mettesse la musica quando facciamo l'amore, o che mi facesse un regalo quando meno me lo aspetto, o magari leggere un libro insieme.
So che pretendo cose assurde perché questa è la realtà, e non un film, ma come lui è fatto così, io sono fatta a modo mio, e non riusciamo a venirci incontro.
Mi sto quindi chiedendo se questa cosa può peggiorare, o se è normale bisticciare così: mi sento tanto giù, e ho paura che forse non siamo fatti per stare insieme. Ho veramente bisogno di un aiutino.
Grazie.
Silvia86

Cara Silvia,
immagina che al posto mio non ci sia un uomo, ma diciamo un centinaio di donne: direi che un buon 95% ti risponderebbe che pur di avere un uomo che "torni dal lavoro e trovi la cena pronta, o trovi casa pulita, o ti ha riparato quella cosa che era tanto che gli chiedevi", beh, darebbero un arto, credo. Forse anche due.
La tua storia sembra un po' l'esplicitazione del classico luogo comune per cui nella vita non si può davvero avere tutto: hai un ragazzo che ti ama e te lo dimostra in mille piccole cose, ma che non dà al vostro rapporto quella sfumatura romantica un po' da sogno che si vede in certi film o si legge in certi libri.
Ora la domanda che sorge spontanea è: ma come fa questo a essere davvero un problema?
Preferiresti che so, uno che balla con te la vostra canzone, davanti a tutti, ti fa regali costosi o scenografici, fa magari gesti plateali da film con Hugh Grant e Julia Roberts, ma magari poi scopri che chatta a luci rosse con tre o quattro contatti su Facebook?
Oppure magari scoprire che si porta a letto la tua migliore amica? D'accordo, non è magari uno che ti sorprende o ti fa sognare con dei regali particolarmente romantici o originali, forse, però mi pare che ti ami, ti rispetti, ti coccoli. E si sa, nei rapporti, c'è sempre poi uno dei due che è più romantico e un altro che…beh, sì, meno.
Al di là della magia, del tuttocosìbello che dura i primi 8 mesi o il primo anno, la vita di relazione è fatta di una spietata quotidianità, in cui sono la vicinanza, i piccoli gesti pratici e le attenzioni concrete che contano, più che le boutade romantiche.
I gesti, le attenzioni e il sesso. Tanto, fatto bene e intenso. Se avete quello, allora direi che potete stare tranquilli, e che tu puoi smettere di farti problemi che - diciamolo - di solito sarebbe bene lasciarsi alle spalle quando si compiono 20-21 anni.
Se tutto ciò non ti basta, immagina la tua vita senza di lui.
La sopporteresti? Perché se continui a stressarlo in modo impossibile per questo, è facile che prima o poi si stufi.
Riflettici.
Guy

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it