In Austria la scuola
per amanti 10 e lode

di Claudia Raimondi 

A pochi chilometri da Vienna c'è una scuola con lezioni di sesso, teorico e pratico

Claudia Raimondi

Claudia Raimondi

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Photo: Corbis

Photo: Corbis

Se per imparare l'inglese si segue un corso, per imparare a guidare un'automobile ci si iscrive a scuola guida, per diventare medico si va all'università, cosa bisogna fare per diventare un ottimo amante? Lo stesso: andare a scuola.

La scuola, decisamente fuori dal comune e che si definisce in quest'ambito la prima in Europa, se non nel mondo, è stata aperta a pochi chilometri da Vienna da un'artista svedese Ylva Marie Thompson che ne è la direttrice. E proprio lei, cercando di spiegare il perché dell'iniziativa, suggerisce di riflettere su «quanto tempo della vostra vita trascorrete sviluppando le vostre capacità mentali o fisiche è quanto invece a sviluppare capacità utili a ciò che conta davvero... l'amore».

La scuola si chiama Aisos, ovvero Austrian international school of sex e ovviamente ha anche un profilo su Facebook. Il suo programma didattico prevede lezioni di sesso sia teorico che pratico, storia antica e moderna del sesso, posizioni, tecniche amatorie, elementi di anatomia.

L'età minima per iscriversi è 16 anni, un semestre di lezioni costa circa 1.400 euro, ma ci sono anche weekend di full immersion, e tra i servizi offerti vi è la possibilità di dare ospitalità a una ventina di studenti. Inoltre "la contraccezione è disponibile senza costi aggiuntivi".

Ma non si pensi che sia tutto divertimento: ci sono anche degli esami finali che verificheranno se le lezioni sono state seguite con profitto.

La notizia è rimbalzata un po' ovunque: in Austria ovviamente, dove lo spot pubblicitario per promuovere la scuola è stato censurato con seguito di polemiche (lo si può vedere comunque sul sito di Aisos) ma anche in Svezia, dove la direttrice è conosciuta per alcuni suoi trascorsi televisivi e artistici, come un'opera scandalosa dal titolo Anonyma Exhibitionister nella quale mostrava un centinaio di organi sessuali di donne svedesi.

Sulla versione inglese dell'Huffington post si dà voce al più ovvio dei rilievi mossi nei confronti di questa scuola: per quanto sia presentato in modo elegante è solo un altro modo per vendere sesso.

La notizia, che ha letteralmente fatto il giro del mondo, è arrivata anche in India e negli Stati Uniti dove ironicamente ci si domanda se la scuola ha intenzione di aprire un campus oltre oceano.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it