Stasera no,
ho mal di testa

di Claudia Raimondi 

Uno studio dell'Università di Pavia assolve le donne: la cefalea uccide la libido

Claudia Raimondi

Claudia Raimondi

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Photo: Corbis

Photo: Corbis

È la più classica delle scuse femminili per non fare sesso: «Caro, ho mal di testa».

Ma non si tratterebbe sempre di una scusa. Ad assolvere le donne uno studio dell'Università di Pavia, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine.

L'emicrania è davvero un killer dell'amore. Nel 90% delle donne colpite da mal di testa, la cefalea si associa infatti a oggettivi problemi sessuali, e in un caso su 5 pone davvero una pietra tombale sul desiderio. Insieme ai colleghi dell'Irccs, l'Istituto neurologico nazionale Mondino di Pavia, sede di un Centro cefalee tra i principali in Italia, gli studiosi dell'università e del Policlinico pavese hanno condotto una ricerca su un campione di 100 donne, con età media 40 anni, tutte in cura per emicrania con o senza aura, oppure per cefalea tensiva sia episodica che cronica, ovvero con più di 15 giorni di mal di testa ogni mese.

Si tratta di disturbi importanti, per sopportare i quali vi è anche un frequente ricorso agli analgesici.

Queste donne sono state sottoposte a test neurologici per valutare i livelli di ansia e depressione; è stata analizzata la loro storia medica e farmacologica e, attraverso specifici questionari, si è indagato sulla loro vita sessuale e sul grado di stress tra le lenzuola.

Il risultato ha mostrato 9 pazienti su 10 che riferivano una vita sessuale inferiore agli standard di normalità; quasi 3 su 10 (pari al 29%) si confessavano stressate per questo disagio e il 20% dichiarava un calo della libido.

La cefalea - ha spiegato Rossella Elena Nappi, ginecologa e sessuologa, tra gli autori della ricerca e docente all'ateneo pavese - è dunque in grado di determinare un malessere profondo e intenso, andando a incidere anche sulla qualità della vita sessuale.

L'abuso di analgesici poi ha ulteriormente aggravato la situazione. Anche nelle donne, come negli uomini, questi medicinali, interferiscono con la funzionalità sessuale.