Sesso, se lei è brutta
viene meglio

di Simone Cosimi 

Uno studio olandese rivela: le prestazioni lasciano a desiderare quando lui
è di fronte a una donna molto bella o di cui è innamorato

Simone Cosimi

Simone Cosimi

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Photo Corbis Images

Photo Corbis Images

I maschi, più o meno, già lo sapevano. Adesso arriva la conferma scientifica, firmata Università di Radboud a Nimega, Paesi Bassi e pubblicata dalla rivista Archives of Sexual Behaviour.

Davanti a una donna molto bella - o una di cui si è molto innamorati - il rischio di prodursi in una performance sessuale mediocre decolla. Soprattutto se paragonata alla scelta di una partner - diciamo così - più normale, agée o semplicemente brutta: in questo caso i risultati sono garantiti e le prestazioni maschili, libere da stress e ansie, s'impennano.

Esatto, stress: sta proprio nel deficit d'attenzione e nel turbamento provocato dal confronto con una donna stupenda - il cui giudizio, evidentemente, si ritiene esiziale per il proprio ego - sta l'inghippo psiconeuroendocrino che manda in tilt gli ormoni maschili. Ai quali potrebbe non restare a quel punto che la strada del farmaco.

Attraverso il test di Stroop, strumento classico per lo studio psicologico dei livelli di concentrazione che consiste nell'associare colori e parole, gli scienziati olandesi hanno infatti emesso la loro sentenza: la semplice presenza in webcam di una bella ragazza attentamente concentrata su di loro ha ridotto il punteggio dei soggetti studiati. Un gruppo di studenti universitari che, in teoria, problemi di questo genere non dovrebbe averne e che invece ha risolto il test in tempi molto lunghi.

«Gli ormoni da stress da una parte possono confondere, dall'altra inibiscono la risposta sessuale - spiega Emmanuele A. Jannini, segretario generale della Società italiana di endocrinologia - da tempo osserviamo nei nostri pazienti di tutte le età che può essere più facile fare sesso con una compagna il cui giudizio importa poco, magari perché bruttina, rispetto alla crisi di fronte a una donna perfetta».

Insomma: un macho dalle gambe d'argilla che riesce a rimanere tale solo quando si sente superiore. Ma se la compagna è magnifica o intelligente («I maschi che usano per innamorarsi quella cosa che sta tra le orecchie - aggiunge Jannini - possono più facilmente non sentirsi all'altezza di donne anche intelligenti») il flop è dietro l'angolo. Anzi, sotto al lenzuolo.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it