Scrittura erotica, due corsi a Roma e Milano

di Alice Politi 

Il ciclo di seminari milanesi (S)pregiudicata e gli incontri a tema romani Le Saffine insegnano l'arte della narrativa sensuale. Per chi vuole mettere alla prova la propria creatività nell'ambito della letteratura hot

Alice Politi

Alice Politi

EditorScopri di piùLeggi tutti


Photo Corbis

Photo Corbis

"Il sesso non prospera nella monotonia. Senza sentimento, invenzioni, stati d'animo non ci sono sorprese a letto. Il sesso deve essere innaffiato di lacrime, di risate, di parole, di promesse, di scenate, di gelosia, di tutte le spezie della paura, di viaggi all'estero, di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino". Scriveva questo Anaïs Nin nella prefazione alla sua raccolta di racconti erotici Il Delta di Venere.

Attraverso i suoi libri, la più celebre delle scrittrici di letteratura erotica del XX° secolo ha scandagliato in tanti modi l'animo femminile, le relazioni pericolose, l'erotismo più audace, il senso del piacere. Pagine intense, appassionate. Sensuali ed eleganti come soltanto un grande autore letterario sa creare.

Perché non provarci anche tu? Se l'idea ti stuzzica e ti piacerebbe avere gli input giusti per testare la tua creatività nel campo della scrittura erotica, a Roma e Milano ne avrai la possibilità.

Parte stasera, infatti, nella boutique erotica romana Zou Zou (vicolo della Cancelleria, 9°; tel. 06-6892176), il corso di scrittura erotica al femminile Le Saffine: tre appuntamenti serali nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, in cui la giornalista e scrittrice Lorenza Fruci, in collaborazione con Tiziana Russo, proporrà delle brevi letture che hanno fatto la storia della letteratura erotica al femminile, seguite da un breve giro di domande e commenti e passando poi alla scrittura vera e propria, con la stesura di un breve racconto. I temi degli incontri saranno "Il corpo e l'auto-erotismo", "Il sesso romantico e il sesso hot", "Le fantasie e le perversioni".

A Le Saffine, il cui obiettivo è anche quello di esplorare la propria sessualità, la femminilità, oltre alle proprie capacità di scrittura, sarà abbinato un concorso letterario, al quale le partecipanti ai rendez-vous potranno scegliere di aderire. Un comitato di lettura, composto da addetti ai lavori ed esperti di settore, selezionerà il racconto migliore e più autentico che verrà premiato con un oggetto della boutique. Gli scritti prodotti potranno inoltre essere pubblicati sul sito di Zou Zou ed eventuali siti partner.
Gli appuntamenti, della durata di 2 ore, hanno inizio alle 21. Il costo è di 25 euro per ogni incontro.

A Milano, invece, l'appuntamento con la scrittura creativa sensuale è per sabato 17 novembre, dalle 10 alle 18, e domenica 18 novembre, dalle 15.30 alle 18, al Sanvittore Cocktail Bar di viale Papiniano 16, per sei seminari a tema, tenuti da Ornella Fontana di Playboy Italia, Beatrice Pazi di Erotic Pink e gli scrittori Bea Buozzi, Sofia Natella, Lucia Giulia Picchio e Alessandro Zaltron. L'appuntamento vedrà anche la partecipazione straordinaria dello scrittore Raul Montanari che terrà la lectio magistralis Il post-noir nel boudoir.

Il corso (S)pregiudicata, Prigionieri dell'ispirazione è riservato a un massimo di 25 partecipanti ed è dedicato agli aspiranti romanzieri o giornalisti di ogni età che vogliono imparare i segreti della comunicazione e della narrativa erotica.

Il costo di partecipazione va da 40 euro (3 seminari a scelta su 6) a 85 euro (pranzo incluso). Il programma completo è disponibile su www.keepcalmandhavesex.it .
Per informazioni e iscrizioni: Penelope Lucas tel. 3291024136, penelope@keepcalmandhavesex.it)

Ma, in definitiva, perché si scrive?  "È una domanda a cui posso rispondere facilmente, dato che me lo sono chiesto così spesso. Penso che un autore scriva perché ha bisogno di creare un mondo in cui poter vivere. Io non potrei mai vivere in nessuno dei mondi che mi sono stati offerti: il mondo dei miei genitori, il mondo della guerra, il mondo della politica. Dovevo crearne uno tutto mio, come un luogo, una regione, un'atmosfera in cui poter respirare, regnare e ricrearmi quando ero spossata dalla vita. Questa, credo, è la ragione di ogni opera d'arte". (Anaïs Nin, Mistica del sesso)


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it