Bedroom shoes,
l'eros ai tuoi piedi

di Claudia Raimondi 

Stivali, scarpe e sandali da indossare in camera da letto

Claudia Raimondi

Claudia Raimondi

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Bedroom shoes, ovvero calzature da indossare in camera da letto o nelle immediate vicinanze. Scarpe, stivali, pantofole dallo spiccato carattere erotico che spesso nascondono una seconda identità, ben celata da apparenze insospettabili.

Il designer Stuart Thom con il suo marchio Ainsley-t, dopo il successo di una prima collezione presentata nel 2010 a Londra e Berlino, arriva ora in Italia grazie a una collaborazione con il luxury brand di lingerie e assessori di seduzione My yoyo. Attenzione ai dettagli, passione per l'artigianato di qualità e un senso della praticità che stupisce se pensato in associazione ad accessori di seduzione così spiccata: sono questi i tratti distintivi di una collezione che si mostra diversa se vista alla luce del giorno o sotto quella dolcemente schermata di un'abat-jour in un interno notte.

«Queste mie creazioni - ci racconta il designer Stuart Thom - rappresentano una celebrazione del piede, inteso come centro erotico. Queste calzature enfatizzano la bellezza del piede, anche nel momento in cui vengono indossate. Ad esempio è estremamente erotica la lentezza di gesti necessaria per allacciare le Foot corset, scarpe pensate per essere portate in camera da letto, senza tacco, né sostegni, non fatte quindi per camminare, ma solo per incorniciare il piede. Sono state realizzate in collaborazione con una bottega artigiana di Berlino specializzata in corsetteria. Ne stiamo ora pensando una versione che sale fino al ginocchio e una che arriva su fino alla coscia: una guaina estremamente elegante da mettere e togliere con gesti di grande sensualità».

Ci sono stivali in pizzo e in pelle con ganci, taschine porta-preservativi, laccetti per appendervi sex toys, piccoli moschettoni: eros e praticità in un'insolita e divertente accoppiata.

«Sì è vero - spiega Stuart Thom - queste calzature sono belle, ma anche pensate per essere utilizzate davvero. Nascono da considerazioni molto realistiche su cosa serve in certi momenti: ad esempio servono preservativi o giochi erotici, ma si desidera anche avere le mani libere, ecco perché ho pensato di dotare le mie creazioni di questi "elementi di servizio". Basti pensare alle tute in lattice, aderentissime e ovviamente senza neppure una tasca!»

Tra le proposte anche scarpe e stivali il cui tacco può essere utilizzato come uno strumento di piacere...

«Queste creazioni - sottolinea Thom - sono pensate come un modo per "nascondersi in vetrina". Ovvero tutto è alla luce del sole, le scarpe possono sembrare delle normali décolleté. Chi non sa non capisce e chi invece coglie il dettaglio erotico è perché sa e non ne viene turbato, anzi».

Infine ci sono scarpe eleganti, in velluto, simili a pantofole o delicate ciabattine con piume da utilizzare per solleticare il partner.

«In questo caso - spiega Stuart Thom - eros e discrezione vanno insieme. Sono creazioni che non urlano, non brillano, non sono appariscenti. Ma ad esempio il morbido velluto stropicciato che è stato utilizzato chiede di essere toccato e accarezzato».

Calzature da indossare con un pizzico di malizia e abbondante gusto per il piacere e la sensualità.

 


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it