Sesso telefonico: come farlo e come essere sexy

di Guy Pizzinelli 

Fare sesso al telefono (o via Skype) è una variazione del gioco erotico a due che  stimola anche l'immaginazione e le zone erogene

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Siete rientrate dalla vostra cena in albergo in una città sconosciuta, oppure è una fredda e umida sera invernale e siete sole a casa mentre il vostro fidanzato è fuori città? Oppure  ancora, avete con lui   una storia a distanza e non potete vederlo fino al prossimo fine settimana?
In tutti questi casi potreste sentire che al voglia cresce e che  tutto quello che vorreste è averlo lì vicino a voi per fare l'amore appassionatamente.
Bene, considerate il sesso telefonico: è un metodo efficace per stimolare il desiderio di coppia e per divertirsi a due.
Stuzzicarsi con la voce può riservare sorprese inattese, d'altronde il potere dell'immaginazione ha un fascino innegabile. L'impossibilità di toccare con mano rende il telefono un mezzo ideale per accendere la passione e una volta che ci si fa l'abitudine non si torna più indietro, lasciandosi andare progressivamente a parole e provocazioni sempre più spinte. E se entrambi riuscite a farlo senza necessariamente uccidere la magica atmosfera che si crea, allora potrebbe essere la cosa più sexy da fare a distanza.

Non si può mettere fretta al sesso, specialmente a quello per telefono. Esattamente come a letto ci sono i preliminari, anche per il sesso via telefono occorre aspettare il momento giusto prima di "parlare sporco". Ovviamente fare tutto ciò la sera tardi aiuterà a rendere il tutto molto più sexy e naturale.

Si comincia con il sexting: gli sms funzionano da preliminari: stimolano il desiderio e creano la giusta tensione. ma non iniziare subito con: «ti voglio ora!». Così bruciate le tappe e finisce la festa... Fagli sapere, invece, nei minimi particolari come sei vestita, dove ti trovi e in che posizione. Lascia che lui lavori con l'immaginazione.

«Sei eccitato? Mi vorresti sopra di te?» Basta un incipit così e la sua fantasia comincerà a viaggiare. Siate sfrontate, dirette, persino un po' volgari e un tantino zoccole, se volete: al telefono tutto è concesso.
Procedete inviandogli qualche foto piccante: un particolare sexy delle gambe, la scollatura, le mutandine sotto la gonna e così via in un crescendo di erotismo sempre più spinto. Ma se le inquadrature porno non fanno per voi potete sempre fermarvi prima, giocando sulle semplici allusioni.

Non incominciate subito la telefonata in stile panterona sexy
. Le cose devono essere graduali. Se il vostro lui vi conosce come una tipa tranquilla, nel sentirvi sussurrare languidamente oscenità dal nulla, più che eccitarsi potrebbe rimanere esterefatto.
Qualsiasi cosa finiate per fare non rimanete mai in silenzio: sospirate o invocate lascivamente il suo nome. Al telefono non c'è nulla di peggio del silenzio: lui potrebbe pensare che nel frattempo vi state passando lo smalto sulle unghie o che stiate leggendo il giornale.
Più siete rilassate più vi verrà spontaneo abbassare il tono e vibrare di piacere. A questo punto, potete dire qualsiasi cosa. Per attizzarlo, ditegli che adorate i suoi pettorali di marmo e che il suo sedere vi fa impazzire. le lusinghe sono il miglior afrodisiaco!

La scelta del linguaggio? Resta vostra. Volete essere ammiccanti, metaforici e poetici o diretti, nudi e crudi, sfacciati? Potrebbe essere l'occasione per sperimentare modalità espressive che di presenza non avete il coraggio di tentare. Un po' di coraggio. State facendo sesso telefonico, che volete che sia una parolina spinta.
Ricordate sempre di aumentare la vostra tendenza all'essere spregiudicate e dirette mano a mano che proseguite.
Le cose però si fanno in due anche in questo caso. Chiedetegli di interagire, descrivendovi cosa sente, cosa prova, cosa fa, cosa vorrebbe fare a voi, come vi immagina. Si gioca tutto sulla fantasia o non esisterebbe il sesso telefonico, quindi sbrigliatela. E pazienza se non indossate affatto quel completino di seta color champagne con pizzi neri che gli avete appena descritto.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it