Cosa non fare a letto: errori da evitare nel sesso con lei (e con lui)

di Guy Pizzinelli 

Esistono errori imperdonabili che si possono fare sotto le lenzuola? Certo! E i più bravi sanno come evitarli. Ecco una piccola lista di cose da non fare mai a letto

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Molto spesso tra le lenzuola qualcosa va storto e l'allegra cavalcata (letteralmente) verso l'orgasmo diventa l'ultimo dei suoi e dei tuoi pensieri.Gli uomini spesso non ci pensano, o credono che la cosa più importante sia solo la prestazione "fisica", e invece molto spesso per una donna quello che conta di più quello che conta è il prima e il dopo. Dall'intimo sotto i vestiti, al trattamento ricevuto dopo il sesso, ecco cosa moltissime donne  non sopportano sentire, non amano vedere e soprattutto non amano che lui faccia in camera da letto. Ecco, in sostanza, cosa può ammazzare il desiderio:

1. Più che afrori, puzze…
L'odore è una di quelle cose spiacevoli, a volte eccitanti, se giusto, più spesso "ma che schifo!". Una combinazione di secrezioni e sudore e ormoni. Sarebbe bene se però la gente si lavasse e si deodorasse un minimo. il giusto. Sia uomini che donne.

2. Goffi a svestirsi.
Dategli una mano: cercate di toglierglieli voi i vestiti, a lui. Fate le brave. Perché gli indumenti nei momenti di passione vengono tolti via e in gran fretta, e soprattutto quando i calzini rimangono o non scivolano via facilmente, l'eccitazione ne risente.

3. Movimenti d'aria di vario tipo
Rumori sotto le lenzuola e nei momenti di maggiore eccitazione e godimento potrebbero mettere in pericolo la passione. State attenti (e attente).I rumori, poi,emessi volontariamente nel tentativo di divertire dovevano essere dimenticati a 5 anni, mi raccomando. Specialmente se si tratta di puzzette.

4. La tassa dei preliminari
La cosa peggiore che potete fare in assoluto, per moltissime donne, è dimenticarvi dei preliminari. Certo, ogni tanto la sveltina di furia e passione può essere piacevole, ma se si tratta di avere una davanti è decisamente meglio prendere le cose con calma e godersi ogni singolo minuto. Ora, il clitoride è la zona erogena per eccellenza, ma prima di arrivare lì è il caso che l'uomo faccia qualche sosta su tutto il resto del corpo di lei. Che potrebbe anche valere la pena. Perché non partire da baci, carezze e leccate sul seno?

5. Sesso orale sì, ma non forzatela
Non siamo sul set di un porno spinto. Sanno bene come funziona, sanno quali movimenti il maschio si aspetta in caso di sesso orale. Spinger loro la testa verso il basso non serve a nulla e le irrita. Rischiate solo di infastidirle e farle scappare a gambe levate.

6. Parlare come se foste in un becero film porno
Ogni tanto il dirty talking può anche essere eccitante, certo, ma se durante il giorno siete galanti, veri e propri gentiluomini e non dite una parolaccia facilmente, non potete trasformarvi in un attore di porno non appena varcate la soglia della camera da letto. Non è affatto charmant.

7. E invece, gli errori di lei?
Beh, gli uomini non amano le donne molto inibite, quelle che lo fanno solo nella posizione del missionario, per intenderci. Non tollerano nemmeno le ragazze che non vogliono fare e ricevere sesso orale (passi per il farlo, ora, ma esiste qualcuna che non gradisce davvero riceverlo?Inoltre: a lui non può fregare di meno di quanto erano bravi quelli che sono venuti prima, soprattutto se sono tuoi ex fidanzati. Questa cosa li innervosisce molto.
Se proprio devi fare un confronto, digli che lui è il più bravo in assoluto, una piccola bugia di incoraggiamento può dare sprint all'eros.
Ma cerca di essere molto credibile o ti sgama e fai la figura della stronza che mente gratis. 
Inoltre, l'uomo è molto  sensibile quando si tocca la sua virilità. Se qualcosa del suo pene che non ti piace: evitate di guardarlo come faresti con gli animali sconosciuti.
Vale sempre la regola del: e se lui criticasse con occhio indagatore il vostro seno, sedere o altro, che reazione avreste?


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it