Emozioni, queste sconosciute

di Alice Politi 

A volte ci fanno paura. Le percepiamo forti, intense, destabilizzanti. Preferiamo nasconderle, dimenticarle. Perché la verità è che non ci sentiamo sufficientemente equipaggiati per gestirle. Nel suo libro Paura di sentire lo psicoterapeuta Michele Giannantonio fa il punto sul tormentato rapporto che abbiamo con le nostre emozioni. L'abbiamo intervistato

Alice Politi

Alice Politi

EditorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Le ignoriamo, le screditiamo, ci ostiniamo a combatterle. A volte ci illudiamo di poterle cancellare dal nostro corpo con un semplice colpo di spugna. Perché non vogliamo essere costretti ad affrontarle, soffrirne, ritrovarci sopraffatti dal loro vigore.
Ci sono momenti, nella vita, in cui le nostre emozioni ci fanno paura.  Soprattutto per quel carico di domande senza ancora una risposta che spesso si portano dietro. Le percepiamo forti, intense, destabilizzanti e noi non abbiamo tempo/voglia/coraggio di viverle. Ma la verità, di fatto, è che non siamo capaci di gestirle.

«Il vero problema di molte persone è che una parte fondamentale delle loro energie viene utilizzata per non sentire le emozioni; nasconderle, camuffarle, magari diventando iper-razionali, illudendosi con ciò di avere il controllo di qualunque cosa possa accadere o sia accaduta. In altri casi, la vita viene impostata con frenesia, in modo da non potersi mai veramente fermare, per ascoltarsi, e quindi per raccogliere le proprie emozioni».

Nel suo libro Paura di sentire - Come gestire il "pericolo" delle emozioni - (Edizioni Erickson, 13,50 euro), lo psicologo e psicoterapeuta Michele Giannantonio spiega i mille modi che spesso utilizziamo per distorcere e tradire le nostre emozioni. Lo fa proponendo anche chiavi di lettura ed esercizi per diventare più padroni delle sensazioni fisiche, del corpo e del nostro mondo emotivo, così da affrontare quello che ci spaventa in modo graduale ed efficace. Insieme a lui abbiamo scandagliato il complicato terreno dell'emotività umana.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it