Come gestire la fine di un'amicizia

di Guy Pizzinelli 

Rompere con un'amica è sempre un trauma, paragonabile spesso alla fine di un amore. Come superare quindi la rottura di un'amicizia a cui tenevi molto?

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Le amicizie hanno un impatto sulla la nostra esistenza tanto quanto le storie d'amore, spesso anche di più. Alcune amicizie durano anni e anni, altre invece non superano la prova del tempo.
Spesso ciò che le fa terminare in modo inatteso rimane per molte un mistero.
Il fatto è che anche una buona amica può rivelarsi una delusione di fronte alla gravità di alcuni momenti della tua vita, dimostrando scarsa empatia o egoismo. E non c'è niente di peggio delle aspettative disattese, si sa.
L'amicizia può naufragare perché non sempre gli interessi coincidono e il tentativo di rispecchiarsi nell'altro fallisce. Ma non tutte le amicizie finiscono di botto. Talvolta la rottura è progressiva e quasi impercettibile. Si è migliori amici fino al giorno in cui ci si rende conto di non avere più molta voglia o molto in comune.

È veramente doloroso se si viene lasciati improvvisamente e la relazione ha avuto una durata importante. È psicologicamente parlando un evento stressante e traumatico molto intenso: occorre  sopportarlo quotidianamente, elaborarlo oppure ridurne semplicemente l'impatto emotivo, desensibilizzandosi gradualmente. La sofferenza provata dipende, oltre che dalla situazione contingente, dalla soglia individuale e da un'eventuale predisposizione caratteriale o sensibilità personale.
Come per la perdita di un amore, quindi, il consiglio è: andare in vacanza, fare qualche uscita, divertirsi, fare dello sport insieme ad altre persone. Ma sempre elaborando, tenendo conto che spesso si desidera capire il senso di un rottura e si è tentati dio chiedere spiegazioni. Non sempre ci saranno fornite, e sicuramente non quelle che vorremmo sentire. Ma è anche vero che sebbene la fine di un rapporto di amicizia sia difficile e dolorosa, è allo stesso tempo rimediabile, a volte. È spesso più facile ritornare sui propri passi in questi casi che in seguito alla fine di una storia d'amore.

Andare avanti è la chiave, conoscere nuove persone: il tempo, nel rimarginare le ferite, gioca un ruolo determinante. Giorno dopo giorno quel malessere, quella tristezza andranno lentamente ad affievolirsi, vi sentirete solo meglio e magari inizierete a pensare con serenità al futuro e alle nuove amicizie che vi riserverà.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it