Preservativo rotto: cosa fare in caso d'emergenza

di Guy Pizzinelli 

Il profilattico rotto è uno degli incubi peggiori di ogni coppia. Ecco cosa fare iin caso di emergenza

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Il preservativo è un mezzo contraccettivo piuttosto sicuro.
Il profilattico difficilmente si rompe, statisticamente soltanto 4 volte su 1000; se però capita frequentemente significa che qualcosa non va nel modo in cui questo viene usato o conservato.
Le cause che maggiormente portano alla rottura del preservativo sono legate alla scadenza (controllare sempre sulla confezione), alla conservazione (mai tenerli in posti dove possono scaldarsi troppo), al modo in cui li si indossa, o all'uso in contemporanea di lubrificanti non adatti.
Non aprire l'involucro con i denti, le forbici o altri oggetti taglienti. Rischieresti di alterare il preservativo.
Evita di graffiarlo con le unghie, mentre lo si infila.
Mentre si infila il preservativo, stringere il serbatoio tra il pollice e l'indice per fare uscire l'aria. Le bolle d'aria favoriscono la rottura del preservativo.
Usare un lubrificante a base d'acqua e applicalo sul preservativo. Questo diminuisce anche il rischio di lacerazione.
Scegliere la taglia giusta per il pene del partner. Un preservativo troppo grande si rompe più facilmente durante il rapporto.
Va inoltre inserito sul pene in erezione, messo sulla punta e srotolato con delicatezza, prima di incominciare la penetrazione; non bisogna introdurre il pene in vagina senza protezione perché spesso negli uomini, specialmente i giovani, vi sono alcune gocce di secreto pre-eiaculatorio in cui possono esservi degli spermatozoi.
In altre parole fagli mettere il preservativo prima di cominciare il rapporto, sempre.
In caso di rottura, per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili non bisogna usare detergenti aggressivi, ma lavare le zone intime con acqua tiepida. Non si tratta di un metodo protettivo, ma serve per limitare i rischi; se poi liquidi vaginali o spermatici e il sangue sono entrati in contatto con delle ferite è importante disinfettarsi accuratamente.
Qualora il rapporto sia avvenuto con persone che hanno una malattia sessuale, o abbiamo dei dubbi, meglio rivolgersi al pronto soccorso entro 48 ore affinché venga somministrata una cura preventiva.
Infine, per essere certi di non aver contratto la malattia, dopo 15 giorni dal rapporto a rischio, effettuare il test dell'Hiv, da ripetere anche 3 mesi dopo.
L'altra grande paura che scatta quando ci si accorge che il preservativo si è rotto durante il rapporto è quella di rimanere incinta. In questo caso, l'unica soluzione sicura è assumere la pillola del giorno dopo entro 72 ore dall'atto; prima la si prende, però, più si è sicuri della sua efficacia.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it