Sesso e droga: ne vale la pena?

di Guy Pizzinelli 

Va bene il rock 'n' roll, ma davvero fare sesso sotto l'effetto di droghe e stupefacenti è un'idea furba e pagante? Oppure gli effetti collaterali sono più di quelli stimolanti?

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

È un fatto noto che l'uomo, da sempre, utilizza alcune sostanze stupefacenti per (cercare di) aumentare il piacere dell'esperienza in campo sessuale.
Il sesso e le sostanze stupefacenti inoltre attivano proprio le stesse aree cerebrali legate al piacere, con conseguente rilascio di dopamina (un recettore del piacere), e questo spiega perché queste due parole sono da sempre molto legate.
Alcune droghe alterano la libido o l'intensità dell'interesse e del piacere sessuale, mentre altre sostanze influenzano soltanto la reazione fisiologica dei genitali, come l'erezione, l'orgasmo e l'eiaculazione. Il rischio è che molti tipi di sostanze possono indebolire il piacere erotico. Gli effetti sessuali delle droghe sono più evidenti negli uomini che nelle donne, poiché la reazione sessuale maschile è visibile, a adifferenza di quella femminile (problemi di erezione). Ma numerose ricerche hanno rivelato che gli effetti sessuali sono simili nel cervello per entrambi i sessi.
Per fare solo un esempio specifico, la più diffusa cocaina è molto consumata in ambienti ricreativi quali pub, discoteche, party. L'azione afrodisiaca è sfruttata anche dalle donne dedite alla prostituzione praticata nei locali, comee dai clienti stessi, per migliorare le performance sessuali.
Negli uomini l'utilizzo di cocaina, oltre ad aumentare il desiderio, riduce la sensibilità (la cocaina è anche un anestetico locale) rendendo difficile l'eiaculazione e ritardando pertanto l'orgasmo. Un uso ad alte dosi e frequente, tuttavia, si accompagna a una diminuzione della potenza sessuale, sino ad arrivare a un calo dell'attività sessuale che si esplica anche attraverso un abbassamento del desiderio sessuale.
Nei dati tratti dall'importante rivista scientifica Eurosurveillance si è associato a un incremento del consumo di alcol e di droghe il rischio maggiore di esposizione nei confronti di pratiche sessuali non sicure.
Alcol e Droga costituiscono un problema sociale che sta assumendo dimensioni catastrofiche, ma anche un fattore di rischio significativo per l'aumento delle pratiche di sesso non sicuro, soprattutto fra giovani di ogni sesso e orientamento sessuale.
L'amfetamina, infine, è uno stimolante del cervello ad azione centralizzata, a cui si assegnano certi effetti sessuali. Alcune persone sostengono che forti dosi di questa sostanza intensifichino il loro interesse sessuale e la loro prestazione, altri studi mostrano invece una diminuzione nell'interesse e nella capacità sessuale in soggetti che fanno uso frequente e costante di amfetamina.
In ogni caso, il dato costante e inevitabile è che queste sostanze a lungo andare possono diminuire l'interesse sessuale, oltre a diminuire in maniera più generica altri funzionamenti cerebrali.
A conti fatti, dalle droghe è quindi sempre meglio tenersi lontani, anche a letto.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it