Sesso e contraccettivi: la pillola la più diffusa in Italia

di Guy Pizzinelli 

In Italia non è diffuco come dovrebbe l'uso dei contraccettivi nei rapporti occasionali, ma in tesat resta la più affidabile pillola

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

In corrispondenza della Giornata Mondiale della Contraccezione, i dati che emergono da una ricerca pongono l'Italia clamorosamente in fondo alla classifica dei Paesi che usano regolarmente metodi contraccettivi come principio. L'allarme è stato lanciato dall' International Women Federation Watch, la vasta rete globale di associazioni per la libertà e la salute delle donne. Stando alle statistiche diffuse, in Europa messe peggio dell'Italia nell'uso di tecniche contraccettive ci sono soltanto Cipro, Romania, Lituania e Repubblica Ceca.
Su 25 Nazioni appartenenti all'Ue, l'Italia occupa soltanto la 12esima posizione. Tra le cause di questo possiamo elencare: la mancanza di un'adeguata campagna d'informazione nonché una sempre più assente volontà di coscienza individuale.
Ma come si usa la pillola, di base, lo sanno davvero tutte le ragazze?
I complessi meccanismi ormonali che scatenano l'ovulazione sono, nella donna in età fertile, attivati dalla periodica assenza di ormoni quale si verifica durante il normale ciclo all'inizio della mestruazione.
La somministrazione per 21, 22, o più modernamente 24 giorni di un preparato ormonale da l'impressione all'organismo femminile di essere già in attività e quindi inibisce i comandi centrali.
Attualmente l'assunzione della pillola anticoncezionale viene iniziata al primo giorno della mestruazione mentre un tempo si cominciava dal quinto giorno.
La pillola anticoncezionale va assunta tutti i giorni alla stessa ora e, anche se vi è una certa tolleranza oraria, quanto meno la fascia deve essere rispettata.
Qualora nel corso di una assunzione regolare ci si accorga di aver dimenticato una pillola, se non sono trascorse più di dodici ore dall'ora della mancata assunzione, è possibile assumere la pillola anticoncezionale dimenticata e l'effetto contraccettivo è garantito.
Se le dodici ore sono trascorse, nei dieci o quindici giorni successivi sarà necessario usare un'altra precauzione; non vale la pena di assumere la pillola dimenticata e inoltre si potranno vedere delle perdite di sangue nei giorni successivi legate alla diminuzione della quantità di ormoni assunti ma prive di qualunque problema.
Se si assumono degli altri farmaci insieme alla pillola anticoncezionale è necessario ricordare che alcuni fra essi, con vari meccanismi, possono interferire con la sicurezza contraccettiva.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it